Home / Economia / Growth hacking: scopriamo cos’e’ e come applicarlo
che cos'è il growth hacking

Growth hacking: scopriamo cos’e’ e come applicarlo

Growth hacking: una strategia di comunicazione da prendere e interiorizzare

Oggi giorno per riuscire a mettere in campo una strategia di marketing che funzioni bisogna fare in modo di fare interagire tutti i vari tipi di canali disponibili in una soluzione comune e con un piano che sia in grado di raggruppare gli aspetti mutevoli e multidisciplinari della comunicazione moderna.
È per questo che sempre più tecnici ed esperti web stanno avvicinandosi al mondo del growth hacking.

Riuscire ad imparare tutto sul growth hacking

Riuscire ad approcciarsi al growth hacking, non è per nulla difficile in quanto bisogna semplicemente far fruttare tutte le competenze che si hanno in ambito sia informatico che marketing e farle interagire cercando di raggiungere il proprio pubblico target obiettivo.
Per affinare le tue conoscenze e raggiungere un elevato livello di multidisciplinarietà ti consigliamo di dare uno sguardo a questa lista contenente i migliori libri sul growth hacking.
Inoltre, bisogna dire che è importante riuscire poi a mantenere sempre un approccio aperto nei confronti di questa disciplina che è sempre in evoluzione.
Il growth hacking infatti, è un settore che cerca di sfruttare quanti più canali possibili, sia tradizionali che non, con lobiettivo di raggiungere non tutte le persone, ma solamente le persone giust. Questo, la maggior parte delle volte, anche ad un costo più basso rispetto ai canali di comunicazione tradizionali.
Ancora una volta, come sottolineato, per poter essere un bravo growth hacker occorre avere un solito background nell’ambito del marketing digitale che sia caratterizzato da un mix di esperienze e conoscenze in settori quali e-mail marketing, SEO, SEM, social media, programmazione, marketing automation, statistica, A/B testing, content marketing e copy writing ad esempio per poi possedere un background più vasto in almeno due di questi ambiti.
Proprio per questo motivo i growth hacker sono definiti come dei professionisti d tipo “T-shaped”.
Letteralmente “a forma di T”.

Le nuove frontiere del growth marketing

Intanto sono sempre di più le aziende, soprattutto le startup, che vogliono puntare su questo tipo di marketing dato che, come detto, presenta dei costi iniziali ed un livello di efficacia maggiore.
Il tutto inoltre viene basato su di un’attenta analisi dei dati. Il data analytics, infatti, assume un ruolo di centrale importanza dato che per un growth hacker ogni decisione presa si basa sull’evidenza dei dati. Questo perché i dati mostrano l’evidenza delle cose. Mostrano quali delle nostre strategie stia effettivamente funzionando e quale no. In questo modo saremo sempre in grado di allocare al meglio le nostre risorse massimizzando il ROI.

Di conseguenza, il growth hacking si sta imponendo come una forma di marketing innovativo, che riduce i costi per le aziende che lo adottano e ne massimizza i risultati.
Proprio per questo motivo, a nostro parere, il growth hacking può essere considerato come il marketing del futuro.
Infatti aziende innovative come Uber, Spotify e Instagram devono il proprio successo al growth hacking, ma anche multinazinali come Coca Cola recentemente stanno abbandonando gli approcci di marketing tradizionale per passare a strategie di growth hacking.

About Pamela Tela

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sette + 16 =