Home / Guide / Libertà Finanziaria per vivere sereni, cosa è e come si raggiunge
Libertà Finanziaria per vivere sereni, cos’è e come si raggiunge
Libertà Finanziaria per vivere sereni, cos’è e come si raggiunge

Libertà Finanziaria per vivere sereni, cosa è e come si raggiunge

I soldi non fanno la felicità, ma spesso aiutano. Non avere problemi nel coprire le spese fisse, dalle bollette alla rata del mutuo, significa infatti vivere di certo più serenamente e senza l’assillo, ogni mese, di riuscire con fatica a far quadrare i conti in famiglia. Quella condizione che libera dallo stress del denaro viene comunemente definita come libertà finanziaria che, nella maggioranza dei casi, non è facile da raggiungere. Pur tuttavia, seguendo opportune linee guida ed accorgimenti tutti possono sulla carta allentare, a livello personale e familiare, quelle che di norma possono essere definite come delle tensioni finanziarie che possono purtroppo peggiorare lo stile di vita.

Evitare i debiti come primo passo per la libertà finanziaria

Uno dei primi passi da compiere, per cercare di raggiungere la libertà finanziaria, è quello di evitare di fare debiti. Sebbene possa sembrare banale, infatti, le maggiori tensioni finanziarie a livello familiare sono legate proprio a spese passate che sono state fatte a debito, ad esempio con un prestito o un leasing, ma che magari si potevano evitare non solo aspettando tempi migliori, ma anche attraverso una migliore pianificazione finanziaria. Senza lasciarsi trasportare dall’istinto, e dal desiderio di acquistare beni e servizi a tutti i costi, alla lunga quasi sempre, infatti, è facile rendersi conto del fatto che quegli acquisti, che sembrano a prima vista irresistibili, in realtà o non erano indispensabili o comunque si potevano tranquillamente rimandare.

Libertà finanziaria pianificando il risparmio: come, dove e quando

Evitare di fare debiti, quando non è strettamente necessario, rappresenta a sua volta il primo passo per andare a pianificare il risparmio. Avere dei soldi messi da parte, infatti, significa riuscire a coprire, spesso agevolmente, quelle che sono le spese impreviste rispetto a quelle obbligate che spaziano dalla luce al gas e passando per l’affitto o la rata del mutuo. In generale, considerando un flusso mensile di entrate costanti, occorre fissare una quota di risparmio, ad esempio il 5-10%, o il 20% in caso di redditi medio/alti, ripartendo la quota restante tra pagamento di bollette, generi alimentari, spese scolastiche ed universitarie e così via.

Raggiungere la libertà finanziaria tra informazione e conoscenza

L’informazione e la conoscenza possono fare la differenza tra avere problemi economici, e raggiungere invece la libertà finanziaria. In particolare, essere informati significa spesso riuscire a risparmiare sugli acquisti, così come i risparmi possono fruttare o non fruttare in ragione di una conoscenza più o meno approfondita su quelle che sono le tante opportunità di investimento. Ad esempio, se si devono proteggere i risparmi di una vita è sbagliato investire in azioni, mentre è preferibile allocare le risorse su strumenti monetari e di liquidità a rischio molto basso.

Quello relativo agli investimenti, infatti, è un aspetto da maneggiare con cura e da andare sempre a gestire in ragione di quello che è il proprio profilo di rischio. Solo in questo modo, con il tempo, sarà possibile non solo guadagnare di più, ma anche gestire correttamente il denaro in quando si diventa poi pure intelligenti a livello finanziario.

Libertà finanziaria, dalla conquista al rischio di perderla

Come sopra accennato, la libertà finanziaria è uno status, una condizione, il che significa che si può conquistare ma allo stesso modo si può anche perdere a causa di eventi imprevisti e/o di scelte sbagliate. Di conseguenza, chi di norma raggiunge la libertà finanziaria non solo lo vuole a tutti i costi, ma è anche sufficientemente attrezzato per mantenerla nel tempo. Molto difficile, invece, è il raggiungimento della libertà finanziaria solo per pura curiosità o comunque senza avere la necessaria determinazione.

La creazione di un giusto ambiente, inoltre, può contribuire a raggiungere la libertà finanziaria. Ci riferiamo, nello specifico, alla capacità di saper stringere le relazioni con le persone, tra conoscenti e nuovi amici, che condividono gli stessi progetti e gli stessi obiettivi nel puntare a vivere senza lo stress legato al denaro.

Quando la libertà finanziaria è raggiunta?

Nel momento in cui la libertà finanziaria sarà raggiunta, allora il denaro non rientrerà più alla voce ‘problemi’ in quanto i flussi di reddito saranno tali da coprire ampiamente le spese fisse ed anche gli sfizi. Tutto ciò in genere accade solo se questi flussi di reddito sono sicuri in quanto rientrano tra le cosiddette rendite passive (ad esempio l’incasso di affitti), redditi automatici (ad esempio le cedole di titoli obbligazionari), ed altri flussi di denaro legati ad esempio ad investimenti non solo in valori mobiliari tradizionali, ma anche in asset alternativi come quadri, monete preziose e fino ad arrivare alle criptovalute.

L’accrescimento del capitale complessivo, inoltre, deve avvenire sempre in maniera accorta e sostenibile, ovverosia attraverso una efficiente attività di gestione e di presidio del rischio. Solo in questo modo, infatti, si potranno avere nel tempo più risorse da investire e da diversificare ad esempio acquistando appartamenti da mettere a reddito.

About Annalisa Ruzzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

due × 5 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.