Home / Salute / Il cibo e la cultura alimentare giusta
alimentazione corretta

Il cibo e la cultura alimentare giusta

Per capire se il tipo di alimentazione che segui è sana ed equilibrata, basta guardare alla cosiddetta “piramide alimentare”. Il tipo di cibo che consumi e la quantità fanno la differenza per il tuo organismo.

Purtroppo tutto questo dovrebbe essere insegnato già alle scuole inferiori, ma è un argomento troppo sottovalutato. Per fortuna, l’Italia ha una cultura del cibo di cui non ci può lamentare. Passando alla piramide, ogni gruppo di alimenti è messo in ordine (dal basso verso l’alto): quelli alla base devono essere consumati in quantità maggiore (fino a tre volte al giorno), quelli più in alto vanno evitati o consumati molto limitatamente (massimo una volta alla settimana).

Ovviamente, ciascuno può aver bisogno di cibi diversi in quantità diverse per poter essere in forma, per cui non prendete il tutto troppo seriamente.

Per sintetizzarne il contenuto, ecco un breve schema:
Alla base vi sono tutti i vegetali, la frutta e tutti tipi di cereali (pasta, riso, couscous integrali). La frutta e la verdura devono essere consumate per 2 o 3 volte al giorno. Una delle regole, la più sfiziosa, dice di “variare i colori”. Che significa? Semplicemente cambiare quotidianamente tipo di verdura ci permette di assorbire nel nostro organismo tutto ciò di cui abbiamo bisogno.
Latticini, spezie ed erbe aromatiche, frutta secca e legumi dovrebbero essere consumati una volta al giorno, per garantire l’apporto giornaliero di ferro e calcio necessari per affrontare con energia i propri doveri.
Inoltre, sempre nel consumo giornaliero è consigliabile un bicchiere di vino, i cui benefici sono riconosciuti da secoli (non prendetela come una scusa per esagerare!).
Il cibo che contiene proteine, le patate, i grassi quali burro e zucchero devono essere consumati settimanalmente, il meno possibile.

Oltre a questa gerarchia, è inoltre consigliato consumare prodotti stagionali e soprattutto locali. In questo modo si aiuta anche l’economia del proprio territorio. Ovviamente, bisogna anche fare dell’attività fisica almeno tre volte alla settimana e bere molta acqua.

Nella piramide del cibo, come vedete, sono presenti tutti i tipi di cibo: cibi proteici, carboidrati, verdure e frutta, quindi non potete avere dubbi su come comportarvi.

Questo tipo di schema valorizza anche lo slow food, ossia tutta la cultura che gira attorno al potersi godere il cibo lentamente e gustandoselo, in opposizione appunto alla più famosa idea del fast food.

Mangiare lentamente il cibo non solo aiuta la digestione ed il nostro organismo, ma alcuni sostengono che sia anche un ottimo rimedio allo stress e rappresenta una pausa dalla vita movimentata e veloce. Ora capite perché tutto il mondo invidia la nostra tradizione culinaria ed alimentare? Non solo i nostri pasti si basano su cibi salutari, ma anche ilo modo in cui li consumiamo è invidiabile per il resto del mondo!

Contrariamente a quanto pensiate, lo street food all’italiana non fa parte della categoria di fast food che immaginate. Il nostro street food si basa su pizze a portafoglio e fritturine miste. Tralasciando le fritture, la pizza rispetta tutti i canoni dati dalla piramide.

Insomma, il cibo italiano e la cultura da cui è rappresentato, se rispettati pienamente, garantiscono il miglior tipo di alimentazione in assoluto.

About Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

18 − dieci =