Home / Viaggi / Cosa vedere a Singapore?
singapore

Cosa vedere a Singapore?

Da un paio di decenni, è diventata una delle mete più ambite dai visitatori di tutto il mondo, riuscendo ad attrarre qualsiasi tipo di turismo. Se ti stai chiedendo cosa vedere a Singapore e perché questa metropoli orientale è diventato un luogo “cult” nel corso degli anni, sei capitato nel posto giusto. Scopriremo quali sono i luoghi emblematici di un’isola-Stato che in molti paragonano a New York per la bellezza del suo skyline che lascia letteralmente senza fiato.

Non è ovviamente questo l’unico motivo per cui Singapore riesce ad attrarre milioni di turisti ogni anno: qui si mescolano decine di culture e religioni diverse, le strade sono caratterizzate da sapori, odori, costruzioni quasi in contrasto l’una con l’altra. Andiamo allora a scoprire quali sono le attrazioni e i luoghi che si devono assolutamente visitare a Singapore.

Singapore Flyer

Parlavamo di skyline ed un posto per ammirarlo alla grande è la Singapore Flyer: si tratta di una ruota panoramica che raggiunge i 165 metri d’altezza (seconda al mondo) e che aggiunge una serie di servizi che rendono l’esperienza indimenticabile. Basti pensare che nelle cabine, che possono ospitare fino a 28 persone, è possibile gustare dello champagne, considerato anche che un giro completo dura più di mezz’ora. Il panorama è mozzafiato, si può addirittura scorgere una parte della Malesia e Batam e Bintam (Indonesia).

Gardens by the Bay, Giardini Botanici e zoo

Singapore riesce ad offrire anche esperienze uniche agli amanti della natura. Sono tanti i luoghi dove poter immergersi nella flora tipica del sud-est asiatico, ve ne segnaliamo tre. I Gardens by the Bay, ad esempio, con oltre 101 ettari rappresentano una meta irrinunciabile. Al suo interno ci sono i Supertrees, dei mastodontici giardini verticali che raggiungono i 50 metri d’altezza: di notte, peraltro, si illuminano ed offrono un gioco di luci formidabile, qualcosa di veramente unico. Qualche numero? Oltre 200 specie di fiori, 163mila piante e due serre in vetro, Flower Dome e Cloud Forest, che sono un’esplosione di colori e vita che difficilmente dimenticherete.

Come dicevamo, occhio anche ai giardini botanici (74 ettari e il bellissimo National Orchid Garden, un autentico paradiso per gli amanti delle orchidee) e lo zoo. Sono 28 gli ettari di foresta tropicale del Singapore Zoological Garden, tra i più rinomati al mondo. Il Night Safari è un’esperienza imperdibile, si vedranno 2mila animali in semi-libertà. I panda giganti, poi, sono di fatto un’attrazione unica di questo zoo che offre anche numerosi spettacoli e una varietà enorme di animali.

Marina Bay Sands

Singapore è anche sinonimo di lusso e gioco d’azzardo e, in questo senso, il Marina Bay Sands è un’icona mondiale. Il resort offre il terzo casino al mondo per estensione, tappa irrinunciabile anche per chi è più abituato a giocare online su piattaforme consigliate da bingoleader.net, struttura che non ha nulla da invidiare per livello e varietà delle attrazioni offerte, ai casino più famosi di Las Vegas. Il Marina Bay ospita al suo interno anche un centro commerciale ed è caratterizzato dalla spettacolare struttura a forma di nave che unisce, in alto, i tre edifici.

I quartieri multietnici e le isole

Parlavamo di culture e religioni diverse presenti a Singapore e non si possono quindi non citare alcuni quartieri di grande fascino. Spicca Chinatown, col suo tempio buddhista, le botteghe di artigiani e i tantissimi ristoranti di strada in cui si potranno gustare prelibatezze della cucina asiatica, ma non vanno dimenticati il quartiere arabo e Little India. Qui è possibile visitare anche una strada, Serangoon Road, che è tra le più antiche di Singapore ed è una delle mete turistiche più conosciute.

Singapore comprende inoltre 63 isole, probabilmente la più visitata è Santosa: oltre alle bellezze naturali, qui ci sono anche gli Universal Studios Singapore, parco tematico sul mondo del cinema.

About Pamela Tela

Blogger di tecnologia, viaggi ed economia. La mia passione per la scrittura mi ha permesso di intraprendere l'attività di gestione portali web che porto avanti dal 2010.