Home / Viaggi / Cosa visitare a Praga in pochi giorni
Visitare Praga, capitale della Repubblica Ceca

Cosa visitare a Praga in pochi giorni

Praga, nel cuore d’Europa e capitale della Repubblica Ceca si presta come perfetta meta turistica anche se si hanno a disposizione pochi giorni. A testimonianza della ricchezza storica della città, Praga città rappresenta un crocevia di stili architettonici ed artistici che danno vita ad un connubio originale di atmosfere di cui godere a pieno; difatti a Praga si mescolano lo stile gotico, romanico, rinascimentale, barocco e Art Nouveau. Di seguito troverete alcune tra le attrazioni principali che questa capitale ha da offrire.

Le attrazioni da non perdere

Se andate a Praga vi consigliamo alcune tappe da non mancare. Per esempio, nel quartiere vecchio di Praga, denominato Stare Mesto, alberga l’Orologio Astronomico del Comune di Praga. Celebre in tutto il mondo, fu costruito nel 1410 dal mastro orologiaio Hanus. Ogni qualvolta l’Orologio scandisce l’ora, inizia il Corteo dei Dodici Apostoli che escono dai quadranti in cui sono posti normalmente.

Un’altra attrazione da non perdere è sicuramente è Piazza San Venceslao, le cui dimensioni, 60 metri di larghezza e ben 750 di lunghezza, lasciano pensare che sia un viale più che una piazza. Da questo luogo ebbe inizio la rivoluzione contro i sovietici nel 1969. Rappresenta, inoltre, il cuore pulsante dello shopping e della cultura della Città Vecchia, non a caso ospita il Museo Nazionale della Città.

A dare accesso all’ingresso di Stare Mesto si trova la Torre delle Polveri in stile tardogotico, la cui costruzione iniziò nel 1475. Da questo imponente monumento di 65 metri di altezza aveva inizio il percorso, detto anche Via Reale, che i sovrani boemi dovevano compiere prima di essere incoronati al Castello di Praga.

Quest’ultimo costituisce un complesso monumentale più grandi al mondo ed il più importanti di tutta la Repubblica Ceca. Il Castello presenta una serie di edifici che insieme formano un complesso chiamato Hradcany. A tal proposito, i luoghi d’interesse da non perdere sono senza dubbio la Cattedrale di San Vito, superbo esempio di stile architettonico gotico, la Basilica di San Giorgio, dal carattere romanico e il Vicolo d’Oro, una strettissima stradina che ospita una decina di casette colorate dall’aspetto fiabesco, oggi sedi di musei d’armi medievali e di negozi di souvenir. In questo quartiere visse per un anno, dal 1916 al 1917, lo scrittore ceco Franz Kafka.

Al vostro itinerario turistico sulla Città di Praga non può non esserci la passeggiata sul Ponte Carlo, il quale collega la Città Vecchia con il Mala Strana (“Piccolo Quartiere”). Fino al 1817 fu l’unico ponte ad attraversare la Moldava. Il Ponte è costeggiato da 30 statue di origine barocca e nel suo viale pedonale si esibiscono giornalmente artisti di strada e pittori.

Altri luoghi d’interesse

Tra gli edifici più particolari di Praga troviamo la Casa Danzante, situata nel quartiere di Nove Mesto. La sua costruzione ha origine a metà degli anni ’90 ed è frutto dell’estro e dell’ingegno di Vlado Milunic e Frank Gehry. Fu inizialmente criticata per il suo stile, non in linea con il resto degli edifici gotici e in Art Nouveau. La Casa Danzante è anche nota come “Ginger e Fred” in riferimento a Fred Astaire e Ginger Rogers per via della somiglianza ad una coppia di ballerini.

Infine, vi consigliamo una visita al ghetto ebraico di Praga, noto come Josefov in lingua ceca. Qui vive la comunità ebraica di Praga sin dal X secolo che si raccoglie nella Sinagoga Vecchia-Nuova, costruita nel 1240 e divenuta simbolo della resistenza ebraica contro l’oppressione nazista durante la Seconda Guerra Mondiale. Secondo una leggenda, la Sinagoga Vecchia-Nuova sarebbe anche la sede del golem di Praga. Si narra che nel XVI secolo il rabbino Jehud Löwa cominciò a creare dei golem dall’argilla, servendosi di loro secondo la sua volontà. Tuttavia, quando il rabbino li animò cominciarono ad impazzire.

About Pamela

Blogger di tecnologia, viaggi ed economia. La mia passione per la scrittura mi ha permesso di intraprendere l'attività di gestione portali web che porto avanti dal 2010.