Home / Economia / Mercato automobilistico: cala la vendita cresce il noleggio lungo termine
mercato dei noleggi auto

Mercato automobilistico: cala la vendita cresce il noleggio lungo termine

Il mercato automobilistico, vuoi per la crisi, vuoi per i costi lievitati, ogni mese subisce un arresto in termini di vendita. Il settore ha perso infatti quasi un quarto delle vendite quest’anno rispetto all’anno precedente. A beneficiare di una tale blocco del recato automobilistico è il noleggio lungo termine, divenuto nel corso del tempo una vera e propria certezza per coloro che intendo avere un’auto senza doversi preoccupare di tutti i doveri scaturenti dall’esserne proprietario.

Le imprese di noleggio sono ormai sempre più protese al progresso, tanto che crescendo in termini di dimensioni e strutture interne, hanno sempre più necessità di assumere nuovo personale. Personale altamente qualificato, che si imponga maestoso in quelli che sono i rapporti con i clienti. Giorno dopo giorno vengono formati sempre più nuovi professionisti a cui le persone si affidano per noleggiare le auto.

Quanto sta aumentando il noleggio lungo termine

Fatto questo doveroso preambolo, cerchiamo di capire come sta cambiando il mercato automobilistico, sempre più proteso al noleggio anziché alla vendita. Volendo parlare con dati alla mano, a gennaio c’è stato un totale in euro di circa 29,2 miliardi come vendita, di meno rispetto allo scorso anno dove invece erano stati superati i 30 miliardi.

A godere di questo calo di vendita quindi è stato il noleggio, che per un totale di 7,3 miliardi ha finito con il rappresentare oggi il 25% del settore automobilistico. A ben vedere il solo canale in crescita è dato dalle imprese di noleggio lungo termine, che sale del 7% rispetto allo scorso anno, vedendo acquisire non solo clienti privati ma anche le società, che sempre più spesso preferiscono affittare l’auto per i loro servizi

Ma perché le immatricolazioni tra privati sono calate a picco?  In prima battuta perché c’è la questione del km zero, auto cioè che vengono immatricolate dai medesimi operatori, ma che prima di arrivare al cliente finale subiscono altri processi. Queste vetture giungono sul mercato dopo un tot di settimane o mesi e vengono considerate come auto usate, cosa tutt’altro che vera. Oltre questo poi il peso e contrappeso delle osservazioni fatte dalle persone che hanno bisogno di una vettura, porta a far ricadere la scelta sul noleggio anziché sull’acquisto per una serie di fattori a vantaggio del consumatore.

Un gran bel colpo di fortuna per gli operatori del settore, che ad oggi stanno gestendo un business da cifre esorbitanti, aumentano la propria egemonia, e necessitano così di molti dipendenti qualificati per far fronte al business in crescita.

Perché si preferisce il noleggio lungo termine

Gli automobilisti, soprattutto i privati stanno quindi abbandonando l’idea dell’acquisto a favore dell’affitto, ma perché? In molti pensano che il primo motivo che muove i fili di questa scelta è da ricercarsi nella convenienza economica. Se infatti analizziamo i vantaggi, ci accorgiamo di quanto i costi di manutenzione siano molto più bassi, contrariamente ad avere un’auto di proprietà. Che dire poi dei premi assicurativi che oggi sono davvero aggressivi, e che rappresentano una spesa da non affrontare in caso di noleggio perché inclusa nel canone stabilito mensilmente.

Oltre all’aspetto economico conveniente ci sono altre considerazioni fatte dagli automobilisti, i quali oggi preferiscono non possedere una vettura. Oggi l’auto non è più considerata una compagna d’avventura a cui spesso si dava anche un nome. Sì, le macchine piacciono ancora, ma guidare non dà più i brividi di un tempo, perché l’uso che se ne fa è differente. Senza poi contare che le strade sono gremite di auto, hanno forme diverse e consistenze diverse, stressano per il traffico che si crea: in molti infatti considerano lo spostamento in auto come un vero e proprio martirio. Le nuove frontiere del mercato automobilistico dunque, sono molto più protese a stabilire delle tempistiche entro cui tenere una macchina e poi disfarsene: e chissà se magari questo nuovo approccio possa far tornare l’amore per le vetture.

About Pamela Tela

Blogger di tecnologia, viaggi ed economia. La mia passione per la scrittura mi ha permesso di intraprendere l'attività di gestione portali web che porto avanti dal 2010.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 × cinque =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.