Home / Tecnologia / Casse audio, ecco come orientarsi nella scelta prima dell’acquisto
Casse audio

Casse audio, ecco come orientarsi nella scelta prima dell’acquisto

Le casse audio rappresentano uno dei prodotti HiFi che sono più complicati da scegliere. Infatti, prima di occuparsi della scelta, è fondamentale valutare tutta una serie di aspetti e avere una buona conoscenza di questi componenti. Altrimenti, poi, il rischio che si corre è quello di fare delle scelte totalmente sbagliate in base a quelle che sono le proprie necessità.

Sul web ci sono numerose piattaforme che offrono la possibilità di acquistare questo tipo di prodotti audio. Ad esempio, le casse audio su extrasound.it sono davvero di alta qualità, ma soprattutto ci sono modelli per tutti i gusti ed esigenze. Infatti, su questo portale si possono trovare diffusori acustici a colonna da pavimento, ma anche diffusori da stand piuttosto che da scaffale, ma anche tweeter, soundbar, mini diffusori amplificati, diffusori bipolari, diffusori per sistemi Home Cinema e molti altri ancora.

Le funzionalità delle casse audio

Le casse audio, che si chiamino speakers, altoparlanti oppure diffusori, hanno un compito davvero molto importante, che è quello di far diventare il segnale elettrico, che arriva dall’amplificatore, un segnale acustico che possa essere percepito da parte di chi lo ascolta.

Di altoparlanti ce ne sono diversi in commercio: in ogni caso, è fondamentale che un unico altoparlante sia in grado di garantire la riproduzione dell’intera gamma di frequenza compresa tra 20 e 20000 Hz. All’interno delle casse, non a caso, sono compresi spesso due altoparlanti. In pratica, viene differenziato il compito di occuparsi di tale riproduzione tra due oppure diversi altoparlanti specifici per una determinata gamma di frequenze. Gli altoparlanti dedicati alle frequenze basse vengono ribattezzati woofers, mentre quelli per le frequenze alte sono chiamate tweeters, mentre quelli per le medie frequenze sono denominate midrange.

Se un tempo si suggeriva di spendere quanto più possibile per l’acquisto delle casse, con una spesa che poteva addirittura raggiungere la metà del costo dell’impianto, visto che venivano considerate come il pezzo più importante all’interno di una catena audio, adesso le cose sono cambiate molto.

Se il segnale a monte delle casse è di bassa qualità, però, c’è poco che le casse possano fare, anche se sono dei modelli avanzati e sofisticati. Anzi, più sono di qualità le casse e più emergeranno eventuali difetti di tutti gli altri componenti che sono a monte delle stesse: stiamo parlando, quindi, della sorgente e dell’amplificatore.

I vantaggi di puntare sulle casse audio da pavimento

Le casse da pavimento sono quelle di maggiore impatto dal punto di vista scenico e quelle più richieste, ma la scelta deve essere fatta con grande attenzione. Prima di tutto per via del fatto che i diffusori da pavimento non sono certo di facile collocazione all’interno di un determinato ambiente, per varie ragioni. Ad esempio, il volume della cassa è notevolmente maggiore e ci sono elevate probabilità che la riproduzione sonora possa essere difettata da parte di risonanze e messaggi che mancano nella sorgente.

Le casse da pavimento vengono suggerite a tutti coloro che ascoltano musica stereofonica o a quanti si occupano di realizzare un impianto multicanale per i film. I vantaggi che vengono messi a disposizione da questo tipo di casse audio emergono solamente avendo uno spazio o un ambiente che sia abbastanza grande da poterle contenere e ospitare.

Nella maggior parte dei casi, le casse audio da pavimento hanno bisogno di un amplificatore dotato di una potenza maggiore in confronto a quanto viene richiesto dalle tradizionali casse da scaffale. Di conseguenza, tutti coloro che possono contare su una stanza grande a sufficienza, e si ha intenzione di puntare su un amplificatore decisamente grande, allora la soluzione migliore è quella di optare per le casse da pavimento. 

About Pamela Tela

Blogger di tecnologia, viaggi ed economia. La mia passione per la scrittura mi ha permesso di intraprendere l'attività di gestione portali web che porto avanti dal 2010.