Home / Casa / Arredo bagno per persone con handicap: quali ausili servono?
wc disabili

Arredo bagno per persone con handicap: quali ausili servono?

Se in casa sono presenti persone con disabilità, è importante che il bagno sia accessibile, in modo da semplificarne l’utilizzo anche a chi ha una ridotta mobilità motoria. Non basta avere uno spazio ampio, un bagno sicuro per anziani e disabili deve prevedere il corretto posizionamento degli apparecchi sanitari e l’installazione di ausili, in grado di favorire movimenti e spostamenti in sicurezza. Tra le attrezzature di ausilio fondamentali ci sono i maniglioni, i sostegni, i corrimani e tutto ciò che serve a dare sostegno e a facilitare l’uso dei sanitari. Inoltre, vanno installate segnalazioni acustiche e ottiche, utili in caso la persona avverta un malore o si faccia male. Vediamo più nel dettaglio quali sono gli ausili da bagno per le persone con handicap e come devono essere i sanitari.

Lavandino

Il lavandino deve essere abbastanza grande in modo che l’acqua non cada sul pavimento, rendendolo scivoloso. L’acqua deve essere miscelata in modo da evitare scottature e la bocca di erogazione del rubinetto deve essere alta in modo da poter inserire facilmente le mani per lavarle. Sono da preferire i rubinetti a leva con movimento orizzontale, in modo da essere presi facilmente e spostati.

Maniglioni per WC

Il trasferimento dalla carrozzina alla tazza del WC deve avvenire in sicurezza, per questo esistono alcuni sistemi che facilitano l’accesso. Il primo sistema prevede un tubo in acciaio collocato a 1,95 m di altezza dal pavimento, con maniglioni scorrevoli in orizzontale e verticale, che consentono una presa utile nello spostamento dalla carrozzella al WC. Il secondo, consiste nel posizionare a destra e sinistra del water dei maniglioni a 0,80 m di altezza dal pavimento con eventuale rotazione del 90%, con la possibilità di addossarli alla parete verticale, in questo modo è possibile effettuare il trasferimento sul water sia frontalmente che lateralmente.

Bidet

Anche per il trasferimento dalla sedia a rotelle al bidet, occorre posizionare i maniglioni come per il WC. In questo caso evidenziamo anche la disponibilità sul mercato di accessori igienici che funzionano sia da WC che da bidet e che possono rappresentare la soluzione ottimale. Se si utilizza un bidet tradizionale, dovranno essere installate delle barre di supporto orizzontali e verticali per rendere più agevoli e sicuri i movimenti e gli spostamenti.

Vasche con sportello 

Le tradizionali vasche possono rappresentare un pericolo per anziani e disabili che, hanno difficoltà motorie importanti. Il rischio di scivolare e cadere è elevato. Per questo motivo, sono da preferire le vasche con sportello, progettate per rendere agevole e sicuro l’ingresso. Sono un esempio i tanti modelli di vasche da bagno per disabili su Vaschedocce.it, dotate di sportello con apertura laterale che facilitano l’ingresso e l’uscita all’interno della vasca. Inoltre, includono maniglioni d’appoggio e seduta antiscivolo, anche motorizzata, per rendere il momento del bagno sicuro, rilassante e senza alcun pericolo. Ci sono modelli più accessoriati che offrono sistemi di idromassaggio e cromoterapia, oltre che elementi aggiuntivi come soffione doccia, paraschizzi e ulteriori maniglioni in più punti.

Doccia

Anche la doccia deve essere accessibile e sicura, per cui bisogna intervenire per eliminare le barriere architettoniche. La prima cosa da fare è installare un piatto doccia a filo pavimento, in modo che la sedia a rotelle non trovi ostacoli e la persona possa entrare con la stessa all’interno del box. Deve essere previsto un corrimano orizzontale a un’altezza di 1,70 cm dal pavimento ed altri eventuali maniglioni di sostegno nei punti più utili all’interno del box. Anche nel box doccia per anziani e disabili è possibile installare una comoda seduta, in modo da permettere alla persona di spostarsi dalla sedia a rotelle e avere un sostegno per far riposare le gambe.

About Pamela Tela

Blogger di tecnologia, viaggi ed economia. La mia passione per la scrittura mi ha permesso di intraprendere l'attività di gestione portali web che porto avanti dal 2010.