Home / Casa / Valvole termostatiche: come funzionano e quanto si risparmia

Valvole termostatiche: come funzionano e quanto si risparmia

Per ottenere la temperatura desiderata negli ambienti domestici, attraverso l’utilizzo di un impianto di riscaldamento, è necessaria la presenza o comunque l’installazione delle valvole termostatiche. Che sono quelle che garantiscono il risparmio energetico grazie alla regolazione dell’afflusso di acqua calda all’interno del singolo radiatore.

Vantaggi degli impianti di riscaldamento e di raffreddamento con la valvola termostatica

Come riportato sul blog di Tatano.com, la valvola termostatica è associata ad un termometro ed è autoregolante. E tra l’altro svolge la sua azione non solo d’inverno quando l’impianto è di riscaldamento, ma pure d’estate quando i circuiti attivi sono quelli di raffreddamento.

L’uso di valvole termostatiche negli impianti di riscaldamento e di raffreddamento può permettere un abbattimento dei consumi di energia fino al 20%, ed un conseguente risparmio anche a livello ambientale misurato nella minore quantità di emissioni.

Per quel che riguarda il riscaldamento, la temperatura ideale negli ambienti domestici in autunno e soprattutto d’inverno è pari e non oltre i 20 °C. Ma è chiaro che più bassa è la temperatura maggiore sarà il risparmio energetico. Per rendere l’idea, per ogni grado di temperatura in meno si abbattono i consumi energetici di oltre il 5%.

Valvole termostatiche elettroniche, sono quelle di nuova generazione

Le valvole termostatiche di nuova generazione, in particolare, sono quelle elettroniche, ovverosia a rilevazione automatica dei livelli di temperatura con la possibilità, tra l’altro, di ottimizzare il risparmio energetico impostando con delle specifiche ad hoc ogni singolo radiatore.

La valvola, in particolare, funziona attraverso la rilevazione continua della temperatura esterna, e quindi per evitare falsi rilevamenti è fondamentale che il dispositivo non sia mai coperto da alcun materiale come ad esempio può essere quello di cui è composto una tenda.

Controllo impianto con la valvola termostatica, chi e quando deve farlo

Almeno una volta l’anno, inoltre, è importante far controllare l’impianto di riscaldamento e di raffreddamento da parte di un tecnico specializzato che poi rilascerà il bollino e la certificazione di avvenuta manutenzione. E questo al fine di verificare il mantenimento dell’efficienza energetica e soprattutto di adeguati livelli di sicurezza. Il professionista, inoltre, procederà pure alla verifica del corretto funzionamento della valvola termostatica che, in particolare, può non funzionare correttamente in presenza di sporcizia.

Così come le valvole termostatiche con il tempo e con l’usura possono pure essere soggette a bloccaggio ed a deformazione fino ad arrivare alla rottura. Nel dettaglio, la presenza di sporcizia nella valvola termostatica provoca un malfunzionamento che è rappresentato in genere all’impianto di raffreddamento o di riscaldamento che lavora a temperature che sono più basse rispetto alla condizioni di normalità.

Allo stesso modo, in caso di rottura o di deformazione la valvola termostatica non garantisce per l’impianto il raggiungimento delle temperature di esercizio, mentre il bloccaggio può anche causare l’effetto inverso, ovverosia quello di temperature che sono superiori a quelle normali di esercizio. Questo è il caso più pericoloso in quanto si può verificare una perdita del liquido di raffreddamento fino ad un’eventuale rottura o addirittura l’esplosione di qualche tubo.

About Pamela Tela

Blogger di tecnologia, viaggi ed economia. La mia passione per la scrittura mi ha permesso di intraprendere l'attività di gestione portali web che porto avanti dal 2010.