Home / Economia / Agenzia delle Entrate, giustizia tributaria in ferie con sospensione termini processuali
Agenzia delle Entrate, giustizia tributaria in ferie con sospensione termini processuali
Agenzia delle Entrate, giustizia tributaria in ferie con sospensione termini processuali

Agenzia delle Entrate, giustizia tributaria in ferie con sospensione termini processuali

Anche quest’anno arriva puntuale la tregua estiva, per quel che riguarda la giustizia tributaria, attraverso la sospensione dei termini processuali. Ne dà notizia FiscoOggi.it, il Quotidiano telematico dell’Agenzia delle Entrate, nel precisare che, in generale, nel periodo dall’1 agosto del 2018 al 31 agosto del 2018 i termini processuali sono sospesi. Dopodiché, così come previsto dalla legge 742/69, in corrispondenza dell’articolo 1, la ripresa dei termini processuali scatta a decorrere dalla fine del periodo di sospensione.

Giustizia tributaria agosto 2018, ecco tutte le altre sospensioni

Le sospensioni, inoltre, riguardano pure il termine per la proposizione del ricorso, il termine per la costituzione in giudizio del ricorrente, il termine per la costituzione in giudizio della parte resistente, i termini di impugnazione delle sentenze ed i termini per il deposito di documenti, di memorie e di brevi repliche.

Il break di un mese, in corrispondenza del quale i termini di decorrenza, quindi, non vanno calcolati, riguarda pure i termini del contenzioso tributario, anche in caso di interruzione del processo.

Come calcolare i termini considerando la tregua estiva della giustizia tributaria

Nel calcolo dei giorni per la decorrenza dei termini, considerando la tregua di agosto 2018, occorre comunque fare attenzione al decorso del termine, ovverosia se questo comincia durante il periodo di sospensione, oppure inizia prima.

Ad esempio, riporta altresì il Fisco, se un avviso di accertamento viene notificato in data 25 luglio del 2018, allora i 60 giorni per l’impugnazione scadono come segue: 6 giorni tra il 26 e il 31 luglio, e poi 54 giorni dall’1 settembre e fino al 24 ottobre del 2018, termine ultimo, andando così a saltare il calcolo 1-31 agosto in virtù della sospensione dei termini.

Se invece la notifica dell’avviso di accertamento si acquisisce all’interno del mese di tregua, ad esempio il 6 agosto del 2018, allora il conteggio dei 60 giorni per una eventuale impugnazione dovrà essere calcolato a partire dall’1 settembre del 2018.

About Pamela Tela

Blogger di tecnologia, viaggi ed economia. La mia passione per la scrittura mi ha permesso di intraprendere l'attività di gestione portali web che porto avanti dal 2010.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 × cinque =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.