Home / Economia / Annunci immobiliari: attenzione agli errori se si vuole comprare casa
comprare casa

Annunci immobiliari: attenzione agli errori se si vuole comprare casa

Comprare casa è un investimento ed un traguardo importante per molte famiglie, quindi prima di fare questo passo è bene ponderare al meglio ogni dettaglio per prendere la decisione migliore. Infatti spesso, leggendo degli annunci immobiliari, può sembrare di aver finalmente trovato la casa dei propri sogni, ma gli elementi da valutare sono numerosi e bisogna stare attenti agli errori che si possono commettere.

Le spese da considerare quando si acquista una casa

Molto interessante sarebbe rivolgersi ad un nuovo portale di annunci immobiliari, per avere più opportunità. Quando si ha a che fare con gli annunci immobiliari, spesso non si considerano, oltre al prezzo dell’immobile, le altre spese da sostenere: l’IVA, se la casa è nuova; l’imposta di registro, se la casa non è nuova; le imposte catastali; l’eventuale caparra. Inoltre, non bisogna dimenticare le spese che bisognerà sostenere se ci si accolla un mutuo: l’imposta ipotecaria, che ammonta al 2% dell’importo del mutuo; l’eventuale assicurazione sul mutuo che alcune banche potrebbero voler stipulare per garantire il prestito.

Valutare il mutuo

A proposito del mutuo, un consiglio è quello di non stipularne uno che verrà estinto dopo i 25 anni: gli interessi maturati farebbero aumentare esponenzialmente il prezzo della casa che non risulterà più essere un investimento “intelligente”.

Quando si sceglie di fare un mutuo, bisogna prendere in considerazione anche gli altri “debiti” che si hanno: l’eventuale rata della macchina o degli elettrodomestici oppure gli altri prestiti.

Infatti è preferibile che la quota del mutuo, insieme a tutti questi altri debiti, non superi il 30% del reddito di chi si impegna a pagarlo.

Le spese da sostenere dopo l’acquisto di una casa

Quando finalmente la casa viene acquistata tramite, ad esempio, annunci immobiliari, entrano però in scena altre spese che magari inizialmente non si erano considerate. Si tratta delle spese condominiali, da pagare mensilmente, il cui importo varia da condominio a condominio.

Queste spese sono quelle relative, ad esempio, al rifacimento delle facciate o alle riparazioni dell’ascensore (ed in genere lavori di manutenzione ordinaria o straordinaria), all’eventuale presenza di un portiere, ad alcune utenze comuni a tutti i condomini e così via.

Ovviamente bisogna considerare anche tutte le tasse che dovranno essere pagate sull’immobile e che, molto spesso, vengono trascurate quando si acquista casa: sarebbe ideale informarsi sull’ammontare delle stesse, così da valutare ancora meglio la fattibilità dell’investimento. Infatti non ha senso acquistare una casa e poi non avere denaro a sufficienza per pagarle oppure riuscire a farlo a stento.

Acquistare casa è una responsabilità

Ciò vuol dire che è buona norma acquistare casa quando si hanno già buone disponibilità finanziare necessarie, senza dover ricorrere magari a ulteriori prestiti da familiari o amici. Questo comporterebbe il dover restituire la somma presa in prestito oltre a sostenere tutte le spese che l’acquisto di una casa, già di suo, comporta.

Non bisogna avere fretta, ma ricordare che non necessariamente i prezzi delle case aumentano nel tempo (anche se questo è un luogo comune).

La fretta, infatti, è “cattiva consigliera” e potrebbe portare a fare una scelta sbagliata, soprattutto se si è demotivati perché, dopo tante ricerche, non si trova quello che si cerca e magari ci si accontenta, appunto, facendo una scelta sbagliata.

Considerare valide alternative all’acquisto di una casa

È vero che quando si ha un tetto sotto cui vivere si ha tutto, ma ciò non vuol dire necessariamente che questo “tetto” debba essere di proprietà. Tante volte, infatti, può essere più conveniente trovare appartamenti in affitto, senza dover far fronte a tutte le spese che una casa di proprietà comporta.

Acquistare casa è un investimento serio che richiede di fare valutazioni anche nel lungo termine come, ad esempio, l’insorgere di imprevisti che potrebbero comportare ulteriori spese non programmate.

About Pamela Tela

Blogger di tecnologia, viaggi ed economia. La mia passione per la scrittura mi ha permesso di intraprendere l'attività di gestione portali web che porto avanti dal 2010.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 + undici =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.