Home / Economia / Cosa riserva il rapporto di collaborazione INAIL-Consiglio Nazionale

Cosa riserva il rapporto di collaborazione INAIL-Consiglio Nazionale

Ne è passato ormai di tempo da quando Inail e Consiglio Nazionale Ingegneri hanno deciso di dare il via ad un rapporto di collaborazione che ha assunto oggi una peculiare importanza, nello specifico allo scopo di sviluppare le iniziative nel settore di sicurezza e salute sui posti di lavoro atte alla contribuzione del miglioramento culturale, tecnico e formativo degli ingegneri.

La qual cosa si verifica all’interno di un contesto di “comunità di pratica” di professionisti che si è posto come principi elettivi l’ideazione e lo sviluppo di conoscenze, senza poi dimenticare la parte dedicata al confronto e al saper condividere le idee e progetti. Di rilevante importanza poi pure il valorizzare le esperienze e il progresso circa le competenze. Insomma, sfruttando tali nuove tendenze si può ricreare un reale, valido e progressivo diffondersi della consapevolezza della sicurezza sul lavoro, senza mai perdere d’occhio il ruolo sociale ed istituzionale dei due Enti.

Seminario nazionale sulla collaborazione INAIL- Consiglio Nazionale

In questo quadro è stato fortemente voluto il Seminario Nazionale “Progettare la sicurezza dei luoghi di lavoro”, che ha avuto luogo a Torino lo scorso venerdì 13 luglio. E’ la terza di una lunga serie di eventi che si sono posti l’obiettivo di coinvolgere tante realtà territoriali, tenendo presente dell’impostazione diffusa sul territorio dell’INAIL, nella sua articolazione istituzionale, e CNI con le sue articolazioni complesse.

Il seminario è stato suddiviso in due parti. La prima ha messo in luce un quadro complessivo circa alcune evoluzioni normative che si occupano della formazione e degli standard volontari sui sistemi che gestiscono la salute e la sicurezza nei posti di lavoro. La secondar parte ha posto molto l’accento su dei validi contributi d’esperienza raggiunti attraverso casi di studio, in cui gli approcci ai modelli operativi ivi messi in evidenza possono rappresentare un valido mix di conoscenze e approfondimenti validi per i professionisti che sono impegnati nel settore.

Seminario INAIL-Consiglio Nazionale: gli interventi

Il seminario è stato aperto dai saluti istituzionali di Alessio Toneguzzo (Presidente Ordine Ingegneri Torino), Armando Zambrano (Presidente CNI) e Alessandra Lanza (Direttore Generale Inail Piemonte). Gaetano Fede (Consigliere e Responsabile area Sicurezza CNI) si è occupato dell’introduzione avendo anche tra gli altri il compito di doversi occupare della moderazione di lavori. In un secondo momento sono stati validi anche gli interventi di: Antonio Leonardi (Coordinamento Tecnico delle Regioni – Gdl Sicurezza CNI), Giannunzio Sinardi (Inail Contarp centrale), Paolo Fioretti (Inail Contarp centrale), Michele Buonanno (Coordinatore Commissione Sicurezza Industriale Ol Torino), Paolo Infortuna (Inail Direzione regionale Piemonte – UOT Torino), Michele Marangi (Universi Cattolica Milano) e Rocco Luigi Sassone (Gdl Sicurezza CNI).

Validità del seminario sul rapporto di collaborazione INAIL-Consiglio Nazionale

Il seminario ha la massima validità ai fini dell’aggiornamento professionale e prevede persino il riconoscimento dei seguenti crediti:

  • 4 crediti CFP per ingegneri iscritti agli ordini professionali
  • 4 ore di aggiornamento per RSPP e Coordinatori per la progettazione ed esecuzione dei lavori

C’è tuttavia da dire che ai fini informativi e di più facile rapporto tra imprese e INAIL ci sono aziende specializzate nella sicurezza sul lavoro, come Impresitalia, che sono ormai anni che è specializzata in materia interponendosi tra le  aziende di lavoro e l’ente nazionale.

About Pamela Tela

Blogger di tecnologia, viaggi ed economia. La mia passione per la scrittura mi ha permesso di intraprendere l'attività di gestione portali web che porto avanti dal 2010.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 × uno =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.