Home / Moda / Orologi Citizen come vanno?
citizen donna

Orologi Citizen come vanno?

Quando si parla di Citizen, stiamo parlando della storia dell’orologio. Questa azienda, fondata nel 1918 dal gioielliere Kakichi Yamazaki, ha costruito il primo orologio da tasca nel 1924, un prodotto che ha fatto la storia, tanto che l’allora sindaco di Toyo, Goto Shipnpei, lo chiamò “Citizen”, cittadino, augurandosi che tale prodotto potesse diventare disponibile per qualsiasi persona.

Nata come Shokosha Watch Research Institute, l’azienda cambiò il proprio nome in Citizen Watches, nome che conserva ancora oggi, un momento storico che ha cambiato per sempre il mondo. Risale al 1931 il lancio del primo orologio da polso, nel 1952 arrivò il primo orologio giapponese munito di calendario, quattro anni dopo il leggendario Parashock, un orologio talmente resistente da essere stato lanciato da un elicottero per dimostrare alla folla di Kyoto quanto fosse resistente.

Parliamo insomma di un brand che a pieno titolo riveste un ruolo fondamentale nella storia degli orologi, una storia che va avanti da quasi un secolo e continua a scrivere grandi pagine come possiamo vedere su market-watch.it.

Citizen continua a innovare

Abbiamo già menzionato alcune delle grandi tappe della storia Citizen ma questo marchio non ha smetto di stupire negli ultimi decenni. Nel 1986 è stata riconosciuta come la più grande casa produttrice del settore a livello mondiale, questo però non ha frenato la spinta innovatrice, l’orologio LCD più sottile è opera di questo marchio, così come il primo orologio ad aver integrato un sistema di riconoscimento vocale.

Modelli degni di nota sono anche quelli della collezione Eco-Drive, costruiti nel rispetto delle norme ambientali e alimentati dalla luce, addio batterie. Un modo nuovo di intendere l’orologio, mettendo la persona e l’ambiente che lo circonda al centro delle strategie aziendali.

Citizen Holding Company

Abbiamo ripercorso alcune tappe del marchio, ma Citizen Holdings Co. possiede anche altri brand di grande importanza quali Miyota Movement, azienda specializzata nella produzione di movimenti automatici e al quarzo: un nome molto noto agli appassionati di orologi, leader assoluto per quanto riguarda i movimenti.

Poi abbiamo Citizen Watch Italia, che possiede Vagary, c’è anche SmileSolar, che produce orologi eco-sostenibili a basso costo, costruiti con materiali riciclati e alimentati dalla già citata tecnologia Eco-Drive. Non dimentichiamo Bulova, storica azienda fondata a New York nel 1875.

Altro grande nome del mondo degli orologi, sicuramente molti lo conosceranno bene, Bulova ha scritto grandi pagine di storia, come quella del maggio 1927, quando Charles Lindbergh svolse la prima transvolata oceanica. Al suo polso, un orologio Bulova. Citizen è dunque un vero e proprio colosso del settore, i suoi prodotti sono sinonimo di innovazione, qualità e sostenibilità, senza dimenticare i decenni di esperienza alle spalle.

Non possiamo dilungarci in questa sede riguardo ai grandi modelli che Citizen propone ai clienti di tutto il mondo vista l’enormità della proposta commerciale, fatta di dispositivi molto diversi per stile, tecnologie utilizzate e fasce di prezzo. Nonostante la crisi degli ultimi anni, l’orologio resta un accessorio irrinunciabile per chiunque voglia distinguersi con un tocco unico e senza tempo.  La moda passa, lo stile resta.

About Pamela Tela

Blogger di tecnologia, viaggi ed economia. La mia passione per la scrittura mi ha permesso di intraprendere l'attività di gestione portali web che porto avanti dal 2010.