Home / Tecnologia / Arriva l’Emoji “Ma che vuoi?” uno dei gesti più noti in Italia

Arriva l’Emoji “Ma che vuoi?” uno dei gesti più noti in Italia

Abbandonati i classici sms ormai nell’era del “tutto e subito” si è iniziato ad utilizzare una nuova modalità di messaggistica, quella istantanea di Whatsapp. Tramite questa app chattere con amici, parenti e spesso anche per lavoro è diventato veramente smart e in certi casi divertente.

Oltre ad inviare dei semplici testi, con Whatsapp si ha la possibilità di inviare delle emoji che esprimono a pieno il nostro stato d’animo o semplicemente con una sola faccina si può far capire la risposta che vogliamo dare.

Le Emoji, ovvero delle piccole faccine che ci aiutano ad esprimere felicità, tristezza, gioia e non solo, hanno spesso preso il posto delle parole.

Negli anni le emoji sono aumentate e sono state rese il più realistiche possibili e con gli ultimi aggiornamenti è stato inserito un emoji che raffigura un gesto del tutto italiano, “Ma che vuoi?”.

Tante nuove Emoji tra cui la mano a “cuoppo”

Con grande orgoglio possiamo dire che sulla piattaforma di messaggistica istantanea Whatsapp è arrivata un emoji tutta all’italiana, ovvero la cosiddetta mano a “cuoppo”.

Gesto molto imitato dagli stranieri quando vogliono parlare all’italiana, sottolineando il nostro tanto gesticolare quando parliamo.

Si tratta del gesto italiano più noto in tutto il mondo che rappresenta una locuzione del tipo “Che cosa vuoi?”

La mano a cuoppo non è difficile da riconoscere. È appunto una mano con le dita chiuse rivolte versa l’alto.

Ben 116 emoji in più arriveranno insieme alla mano a cuoppo e così chattare sarà ancora più divertente e veloce.

Come si evince dall’articolo di Kontrokultura.it, tra le nuove emoji in arrivo troveremo l’uomo con il velo da sposa e l’uomo che allatta. Tutti simboli che abbattono le barriere di un argomento tanto delicato: quello del LGBT.

Le nuove Emoji saranno disponibili su tutti i dispositivi IOS e Android così come su Twitter, Facebook e WhatsApp entro la fine del 2020.

Come è nata l’idea di questa nuovissima Emoji?

Se avremo la possibilità di utilizzare un emoji così divertente è tutto merito di tre persone: Adriano Faranao, Jennifer Lee e il disegnatore Theo Schear.

L’italianissima emoji è nata casualmente, come tutte le grandi idee, durante una cena a casa di Adriano a San Francisco. Il quarantenne italiano vive e lavora in America da diversi anni e per portare un po’ d’Italia anche negli Stati Uniti si preparava a casa uno dei liquori italiani più amati all’estero: il Limoncello.

In America, tra cui anche gli amici americani di Adriano lo preparano con la vodka e durante questa cena fra amici, Adriano spiegando e parlando del suo Limoncello ha fatto un cenno con la mano.

Il cenno era appunto la mano a “cuoppo” o a “tulipano”. Da qui nasce la curiosità della sua amica Jennifer la quale una volta venuta a conoscenza del significato di questo gesto propone ad Adriano di sottoporre questa emoji all’Unicode.

In seguito alla proposta rivolta alla giuria di Unicode, Adriano, Jennifer e Theo hanno potuto finalmente vedere la loro idea accettate e adesso tutti potranno utilizzare un emoji così rappresentativa del nostro paese.

Novità: WhatsApp da febbraio 2020 non funzionerà su alcuni dispositivi.

Da febbraio 2020, WhatsApp non funzionerà su alcuni vecchi dispositivi IOS e Android.

Nessun allarme, invece, per i nuovi dispositivi che dispongono di nuovi aggiornamenti automatici e necessari.

Dal 1° febbraio 2020 WhatsApp non funzionerà più su dispositivi vecchi come, ad esempio, su IPhone con un sistema operativo IOS 8 e su Android in versione 2.3.7.

L’unica soluzione, per tutti coloro che non posso più utilizzare WhatsApp, e quello di acquistare un nuovo dispositivo compatibile con i nuovi aggiornamenti che sono necessari per introdurre novità e funzioni del tutto nuove ma anche soprattutto per nuovi importanti update di sicurezza.

About Pamela Tela

Blogger di tecnologia, viaggi ed economia. La mia passione per la scrittura mi ha permesso di intraprendere l'attività di gestione portali web che porto avanti dal 2010.