Home / Tecnologia / La nuova Canon EOS 6D
camera canon

La nuova Canon EOS 6D

Dopo poco più di una settimana dall’annuncio della D600 della Nikon, la Canon ha deciso di rispondere annunciando la sua nuova DSLR full frame EOS 6D. Ed ecco che così è nato un mercato del tutto nuovo, ovvero quello delle DSLR full frame di fascia media. Una bella novità, considerando che solo un decennio fa bisognava spendere migliaia e migliaia di euro per portarsi a casa una macchina fotografica con queste caratteristiche. A questo punto, però, occorre capire quali sono le potenzialità di questo prodotto e se vale la pena di acquistarlo. Oggi vedremo quindi la recensione della Canon EOS 6D, così da dare una risposta a questi interrogativi.

Specifiche tecniche Canon EOS 6D

A livello di design, la Canon ha optato per l’aderenza e il rispetto delle tradizioni, anche con la sua nuova EOS 6D. La prova viene data dal fatto che questa full frame firmata Canon ha un layout molto simile ad altri modelli di questa fascia, compresa la struttura della Nikon citata poco sopra. Però è più sottile sul davanti, e più leggera nel complesso, con una serie di specifiche tecniche di tutto rilievo: ad esempio il wifi e il GPS integrati, giusto per citare un paio di grossi calibri. Vediamo dunque la lista delle principali caratteristiche tecniche di questa DSLR full frame della Canon.

  • Sensore CMOS full frame da 20,2 MP
  • Processore di immagini DIGIC 5+
  • Standard ISO 100-25600, 50-102800 espanso
  • Scatto continuo a 4,5 fps
  • Modalità otturatore “silenzioso”
  • Registrazione video 1080p, audio stereo tramite microfono esterno
  • Sistema AF a 11 punti, punto centrale a croce e sensibile a -3 EV
  • Sistema di misurazione iFCL 63 zone
  • 97% di copertura del mirino
  • Schermi intercambiabili (inclusi griglia Eg-D e messa a fuoco Eg-S)
  • 1040k punti e ClearView LCD (fisso)
  • Slot per scheda SD singola
  • Wi-Fi e GPS integrati
  • Livello elettronico ad un asse

Di fatto, la Canon EOS 6D è stata costruita attorno ad un nuovo sensore CMOS Canon, che offre ben 20,2 MP. Inoltre, la macchina fotografica in questione monta un processore di ultima generazione DIGIC 5+, con una gamma ISO standard molto elevata. Anche il sistema AF a 11 punti dimostra di essere di grande pregio. Tuttavia, la vera carta vincente della Canon 6D è la capacità di mettere a fuoco anche a livelli di luce estremamente bassi. Bisogna poi ricordare la presenza di aggiunte davvero notevoli, come nel caso dei già citati wifi e GPS integrato, una bella scelta da parte di Canon.

In secondo luogo, la EOS 6D della Canon può contare anche su alcune funzionalità presenti nella 5D Mark III: ad esempio la modalità otturatore silenzioso, molto discreta per chi necessita (appunto) di silenzio. Inoltre questo modello firmato da Canon eredita anche le modalità HDR In-Camera e le esposizioni multiple, sebbene siano implementate in maniera più scarna rispetto alla EOS 5D Mark III (solo Jpeg e niente Raw nella 6D). Naturalmente la Canon ha preferito fare altre rinunce, per mantenere il prezzo più o meno abbordabile. Si parla dell’assenza del rilevamento di fase sul chip, per favorire l’autofocus in modalità live view, e della splendida interfaccia touchscreen tipica dei modelli Canon di fascia più alta. Lo schermo posteriore è fisso, come indicato nella lista delle specifiche tecniche.

Vantaggi e svantaggi della Canon EOS 6D

Ecco una lista sintetica dei vantaggi e degli svantaggi della EOS 6D:

  • Dettagli eccellenti nell’output dei file non elaborati nell’intervallo ISO
  • Sensibilità alla scarsa luminosità davvero fenomenale
  • Riduzione del rumore delle JPEG molto efficace alle sensibilità ISO più elevate
  • Modalità di scatto ‘silenziosa’ straordinariamente… silenziosa
  • Il menu di controllo rapido consente di accedere facilmente alle impostazioni
  • Controllo remoto della fotocamera in Wi-Fi tramite smartphone o tablet
  • Modalità HDR multi-esposizione efficace e facilissima da usare
  • GPS integrato con capacità di registro di testo
  • La simulazione dell’esposizione in live view può essere attivata e disattivata
  • Controllo manuale completo in modalità video
  • Scelta delle modalità di compressione video IPB e All-I
  • Conversione Raw nella fotocamera Canon EOS 6D
  • Buona durata della batteria (tranne quando il GPS e il Wi-Fi sono attivi)
  • Convertitore raw di alta qualità (Digital Photo Professional)

Svantaggi:

  • Il motore JPEG va in difficoltà con i dettagli precisi a basso contrasto e sensibilità ISO basse
  • Matrice autofocus a 11 punti a bassa densità con un solo punto AF a croce
  • Un solo slot per scheda SD
  • Non è possibile configurare in modo indipendente le opzioni di visualizzazione live e modalità filmato con la Canon EOS 6D
  • Risoluzione leggermente inferiore rispetto alle medie
  • La modalità HDR è solo JPEG (a differenza della Canon 5D Mark III)
  • Posizionamento abbastanza scomodo del pulsante di anteprima DOF per le riprese con orientamento verticale
  • Nessun flash incorporato
  • Auto ISO poco sofisticato
  • Microfono monoaurale
  • Nessun jack per le cuffie per il controllo dell’audio
  • Nessuna opzione di output video non compresso
  • Alto consumo della batteria quando GPS e Wi-Fi sono attivi

Conclusioni

La EOS 6D ha rappresentato il tentativo della Canon di attirare gli utenti alla ricerca dei vantaggi delle full frame, ma ad un costo più basso. In pratica, tutti coloro che avrebbero voluto acquistare la Canon EOS 5D Mark III, ma che non potevano permettersela. È chiaro che il prezzo più basso comporta necessariamente dei sacrifici, ma questo era da mettere ovviamente in conto. La questione, piuttosto, è la seguente: la Canon è riuscita a fornire un prodotto di qualità, tale da valere un esborso comunque importante? La risposta è sì, perché in effetti la Canon EOS 6D offre delle caratteristiche che vanno ben al di là del costo del cartellino. Insieme ad alcuni dettagli che spesso non troviamo nemmeno nei modelli di fascia più alta.

Praticamente ci troviamo di fronte ad una vera e propria versione economica della Canon EOS 5D Mark III, ed è una buona notizia. A patto di non aspettarsi la perfezione assoluta, questo è chiaro, perché la Canon ha dovuto gioco forza sacrificare alcuni aspetti non di poco conto. Detto ciò, vale assolutamente la pena di acquistare questa DSLR full frame.

About Pamela Tela

Blogger di tecnologia, viaggi ed economia. La mia passione per la scrittura mi ha permesso di intraprendere l'attività di gestione portali web che porto avanti dal 2010.