Home / Tecnologia / Microcamere spia e loro utilizzo
telecamere spia

Microcamere spia e loro utilizzo

Le microcamere spia, o spy cam o telecamere spia, consistono in prodotti che consentono di poter registrare suoni ed immagini, e sono caratterizzate dal fatto che – a differenza delle normali videocamere – sono di ridotte dimensioni. A volte, possono perfino essere nascoste nella punta di una penna, o in un quadro, in un bottone, sugli occhiali, da quanto sono piccole.

Sono delle soluzioni che possono aiutarci a garantire la sicurezza del luogo di lavoro, della casa, e via dicendo.

Si tratta di mini microcamere che, se usate correttamente e senza abusi, possono anche aiutarci a difendere i nostri diritti.

Queste soluzioni possono essere utili ad esempio per filmare conversazioni compromettenti, per poter avere accesso a prove dell’esistenza di un abuso o di un reato, o anche solo per controllare la propria casa o i figli minorenni e le loro frequentazioni.

In ogni caso, come vedremo più sotto, l’uso delle microcamere spia dovrebbe essere sempre fatto a norma di legge e senza commettere nessun reato.

In questo articolo, valuteremo come si possono scegliere le migliori microcamere spia sulla base delle proprie esigenze, per non sbagliare nell’acquisto: capiremo che ce ne sono diversi modelli, e come orientarsi nella scelta di quello che fa per le proprie esigenze.

Scegliere la micro spia: ecco come si fa

  1. Risoluzione. Le microcamere spia sono pensate per filmare, quindi nel momento della scelta la prima cosa da valutare è la qualità della loro risoluzione e il tipo di riprese che effettua.
    I prodotti, per essere fruibili e di buona qualità, dovrebbero registrare almeno in HD ed in Full HD. Tuttavia, questo non basta per ottenere delle immagini davvero perfette. Le microcamere spia devono essere anche di piccole dimensioni e devono essere discrete: non vanno viste, e non devono assolutamente dare nell’occhio.
    Le microcamere spia ad infrarossi non sono quasi mai un acquisto indicato: danno il meglio di loro solo se non c’è buio totale, sono costose e non danno filmati ben visibili.
  2. Comprare una microcamera spia con sensore potrebbe essere una buona idea, specialmente se si ha una scheda di memoria per conservare le immagini. In questo caso, le immagini sono registrate solamente quando nella stanza avviene qualcosa, evitando così di sprecare spazio nella scheda registrando mentre non avviene nulla. Attenzione comunque alla funzione in questione, che qualche volta funziona un po’ male (cercate di fare delle prove per valutare se il sensore è troppo sensibile).
  3. Archivio delle immagini. Le microcamere spia possono archiviare le loro immagini in due modi: in diretta o differita. Quelle che scaricano foto e video sulle loro schede di memoria sono meno costose: oggi ci sono anche modelli molto avanzati che funzionano con il WiFi e permettono di trasmettere le immagini in streaming, visibile anche con l’app da smartphone (ma con minore garanzia di riservatezza).
  4. Durata della batteria: dovrebbe essere sufficiente per andare incontro alle vostre esigenze senza fermarsi a metà registrazione, quindi fate attenzione a questo particolare.
  5. Modalità di accensione. Chiaramente se cercate delle microcamere spia per controllare una zona della vostra casa, non vi importa che la modalità di accensione sia particolarmente discreta. Il discorso cambia se indossate la telecamera e dovete attivarla di nascosto alla presenza di un’altra persona.

Per approfondire gli aspetti tecnici prima di acquistare una telecamera spia potete visitare il sito https://investigazioniaziendali.agency di Daniele Novelli Casarelli, ex investigatore dipendente con un decennio di esperienza alle spalle. Vi toglierete tutti i dubbi.

Microspia connessione WiFi: i vantaggi

Consigliamo di prendere in considerazione le microcamere spia con connessione WiFi, rispetto a quelle con registrazione. Le spie con connessione WiFi infatti consentono:

  • di salvare i filmati fatti dalla camera direttamente su cloud, un servizio online su piattaforma remota. Questo consente di risparmiare davvero tanto spazio.
  • Di poter accedere ai filmati da qualsiasi località, basta avere le password e una connessione internet.
  • Più risparmio di spazio e possibilità di vedere direttamente in streaming i filmati della microcamera spia, ad esempio comodamente usando l’app del cellulare, ovunque vi troviate e in qualsiasi momento. Una soluzione molto comoda rispetto alla classica scheda SD.

Le microcamere spia nascoste 

Oltre alle microcamere spia stand-alone, che sono quelle non occultate e che si piazzano nelle varie zone della casa (possono essere anche messe in un libro, in un pupazzo ecc.) ci sono anche quelle a forma di oggetto quotidiano. Sotto forma di penne, di giochi, di libri, possono essere occultabili più facilmente e sono adatte per spiare senza far destare alcun sospetto. Si nascondono in un fermacravatta, in un paio di occhiali, nei gemelli della camicia.

Le microcamere spia possono essere facilmente occultate come abbiamo detto: anche in un abito, in un bottone, nella penna. Insomma, le microcamere spia possono essere nascoste in tutti quei gadget che abbiamo visto e rivisto nei film di spie che ci hanno fatto emozionare.

Ebbene, alcuni di essi esistono davvero, ma non bisogna farsi troppe illusioni sulla funzionalità di queste telecamere spia dalle dimensioni minuscole né sulla loro possibilità di funzionare perfettamente. Tenete conto che molte delle microcamere spia in vendita non sono oggetti altamente professionali e in qualche caso son più che dei giocattoli.

Le microcamere spia sono legali? 

La vasta scelta dovuta alla vendita di microcamere spia anche online rende questi oggetti ormai praticamente alla portata di tutti. In più, chiunque può venderli e comprarli online: come sappiamo, non esiste alcun divieto di vendere o comprare questi oggetti, quindi c’è la libertà sotto questo punto di vista. Il fatto è, piuttosto, che non è possibile usare microcamere spia quando e come si vuole.

Ci sono delle leggi sulla privacy e la riservatezza dell’altrui vita privata che vanno rispettate.

Pensiamo ad esempio al caso, del tutto legittimo, del proprietario che usa le microcamere spia per poter controllare cosa fa il figlio minore oppure cosa succede in casa.

Oppure al caso, sempre legittimo, di un dipendente che va al colloquio col datore di lavoro con una microcamera spia per poter dimostrare abusi o minacce.

Invece, le microcamere spia non possono essere usate per spiare altre persone in casa loro o comunque per poter violare la privacy di altre persone. In questi casi si commette un reato grave, e di conseguenza è bene tenerne conto: non si possono spiare gli altri.

About Pamela Tela

Blogger di tecnologia, viaggi ed economia. La mia passione per la scrittura mi ha permesso di intraprendere l'attività di gestione portali web che porto avanti dal 2010.