Home / Economia / Contratti energia e gas, colpo di scena sul mercato tutelato
Contratti energia e gas, colpo di scena sul mercato tutelato
Contratti energia e gas, colpo di scena sul mercato tutelato

Contratti energia e gas, colpo di scena sul mercato tutelato

La fine del mercato tutelato, per le forniture di luce e gas, slitta per le famiglie residenti in Italia dal mese di luglio del 2019 allo stesso mese dell’anno 2020. Ne dà notizia il sito qualenergia.it dopo che al Senato della Repubblica, con 151 voti a favore, 93 contrari e 2 astenuti, è stato approvato il cosiddetto DL Milleproroghe.

Mercato tutelato, la soppressione slitta al mese di luglio del 2020

Questo significa che, rispetto a chi è già sul mercato libero, chi ha forniture di luce e/o di gas ancora sul mercato tutelato potrà rimanerci quasi per altri due anni prima di dover poi fare per forza una scelta.

Di conseguenza, l’ARERA continuerà pure a fornire ogni trimestre le revisioni tariffarie per la luce e per il gas rispetto al mercato libero dove, invece, a fare i prezzi sono gli operatori sul mercato dell’energia.

Molte Associazioni dei Consumatori hanno accolto con un plauso lo slittamento legato alla fine del mercato di maggior tutela per la luce e per il gas, in quanto ritengono che ancora sul mercato libero sono presenti delle criticità a tutto svantaggio dei clienti che sarebbero chiamati, con la soppressione del mercato libero, a dover comunque fare una scelta forzata.

Esulta l’UNC su slittamento soppressione mercato tutelato, ‘Vittoria per i Consumatori’

‘Era inaccettabile eliminare il mercato di maggior tutela, quando per la luce i primi cinque operatori detengono l’87,8% del settore domestico e per il gas i primi tre gruppi controllano il 44,8% del mercato’, ha dichiarato il presidente dell’UNC – Unione Nazionale Consumatori – Massimiliano Dona in accordo con quanto è stato riportato dal sito helpconsumatori.it.

About Luca Di Pasquale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro × uno =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.