Home / Economia / Crollo ponte Genova: Governo dichiara stato emergenza, stanziamenti e commissario ad hoc
Crollo ponte Genova: Governo dichiara stato emergenza, stanziamenti e commissario ad hoc
Crollo ponte Genova: Governo dichiara stato emergenza, stanziamenti e commissario ad hoc

Crollo ponte Genova: Governo dichiara stato emergenza, stanziamenti e commissario ad hoc

Dopo il crollo del ponte Morandi, Il Governo italiano ha dichiarato lo stato di emergenza nazionale per la città di Genova. Ne dà notizia via social network Facebook Riccardo Fraccaro, il Ministro per i Rapporti con il Parlamento e la Democrazia diretta. nonché Deputato del MoVimento 5 Stelle (M5S), dopo che, in via straordinaria, si è riunito in data odierna il Consiglio dei ministri per affrontare la tragedia di Genova, e per prendere in merito le prime decisioni importanti.

Commissario ad hoc per la ricostruzione e primi 5 milioni stanziati per Genova

Oltre alla dichiarazione dello stato di emergenza, proprio per gli interventi più urgenti il CdM ha deliberato per Genova uno stanziamento di 5 milioni di euro, e procederà, tra l’altro, con la designazione di un commissario ad hoc per la ricostruzione.

Il Governo italiano, nell’annunciare che, nel giorno delle cerimonie funebri delle vittime, è stata proclamata una giornata di lutto nazionale, ha precisato con una nota che il supporto operativo e quello economico, oltre i 5 milioni di euro inizialmente stanziati, continuerà ad essere garantito.

Il Governo sul crollo del ponte a Genova, ‘Saremo inflessibili’

‘Chi ha sbagliato pagherà, saremo inflessibili e faremo di tutto perché simili tragedie non accadano mai più’. E’ questa, in sintesi, la posizione del Governo italiano, al termine del Consiglio dei Ministri straordinario di oggi, aggiungendo anche che ‘un grazie di cuore va ai soccorritori per il loro instancabile lavoro’.

‘Via a revoca della concessione ad Autostrade‘, ha intanto dichiarato il Presidente del Consiglio dei Ministro Giuseppe Conte, in accordo con quanto è stato riportato da Repubblica.it, mentre dalla società Autostrade per l’Italia ribadiscono di essere stati ‘sempre corretti’, e di essere ‘pronti a ricostruire il ponte in 5 mesi’.

About Pamela Tela

Blogger di tecnologia, viaggi ed economia. La mia passione per la scrittura mi ha permesso di intraprendere l'attività di gestione portali web che porto avanti dal 2010.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

14 − 11 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.