Home / Economia / Debito pubblico italiano tocca nuovo record, dati luglio 2018

Debito pubblico italiano tocca nuovo record, dati luglio 2018

Nuovo record per il debito pubblico italiano che, nello scorso mese di luglio del 2018, è cresciuto di 18,4 miliardi di euro, rispetto al mese precedente, toccando il massimo storico di 2341,7 miliardi di euro in accordo con i dati aggiornati che sono stati rilasciati dalla Banca d’Italia.

Record debito pubblico in vista della Legge di Stabilità

Trattasi di un dato che l’attuale Governo giallo-verde non potrà non prendere in considerazione in vista della messa a punto della Legge di Stabilità che vede da un lato spingere il vicepremier Luigi Di Maio verso i reddito di cittadinanza, e l’altro vicepremier, Matteo Salvini, invece, verso la flat tax.

Nel mezzo non c’è solo il Premier Conte, ma soprattutto il ministro all’Economia Tria che, di fronte alle pretese dei due vicepremier, in scia alle promesse fatte in campagna elettorale, sarà chiamato ad una quadratura dei conti pubblici considerando, tra l’altro, le recentissime dichiarazioni di Mario Draghi, Presidente della Bce, e del commissario Ue agli Affari economici Pierre Moscovici.

Solo due interventi nel pacchetto fisco, taglio Irpef candidato al rinvio

Non a caso, in accordo con quanto è stato riportato in queste ore dall’Agenzia di Stampa Ansa.it, il taglio dell’Irpef sarà rinviato e, quindi, non sarà presente nella ‘Finanziaria’. Il pacchetto fisco dovrebbe infatti essere composto di soli due interventi in modo tale che possano essere incisivi sulla base delle risorse a disposizione. Nello specifico, si tratterebbe della cosiddetta super-Ires che non è altro che una tassa ridotta al 15% per la quota di utili che vengono reinvestiti in azienda, e la flat tax ma solo per i piccoli imprenditori.

About Luca Di Pasquale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 + diciassette =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.