Home / Viaggi / Vacanze settembre 2018 in Italia per 13 milioni di turisti, estate non è finita
Vacanze settembre 2018 in Italia per 13 milioni di turisti, estate non è finita
Vacanze settembre 2018 in Italia per 13 milioni di turisti, estate non è finita

Vacanze settembre 2018 in Italia per 13 milioni di turisti, estate non è finita

Per il turismo italiano, e per le strutture ricettive sparse su tutto il territorio nazionale, l’estate non è ancora finita. E questo perché, per il prossimo mese di settembre del 2018, ci saranno da ospitare ed accogliere ben 13 milioni di turisti. Questo è quanto emerso infatti, tra l’altro, da un’indagine sulle previsioni dei flussi turistici in Italia, per il mese di settembre del 2018, a cura della Federalberghi avvalendosi del supporto tecnico dell’Istituto ACS Marketing Solutions.

Vacanza principale a settembre per quasi il 20% dei turisti

Nel dettaglio, il 21,1% degli italiani in vacanza per l’estate 2018 farà almeno un giorno di vacanza nel prossimo mese di settembre del 2018 per quella che, anno su anno, è una percentuale che è in forte crescita. Nel 2016 era infatti pari a solo il 13,9% per poi salire al 14,9% l’anno scorso prima del balzo di quest’anno.

Le vacanze a settembre rappresentano spesso un supplemento di relax rispetto alla vacanza principale di luglio o agosto. Ma al riguardo la Federalberghi segnala che la vacanza 2018 a settembre sarà quella principale per il 19,5% dei turisti rispetto al 9,2% del 2016 ed al 12,4% del 2017.

Vacanze nel mese di settembre del 2018, ecco tutti i vantaggi secondo la Federalberghi

Secondo Bernabò Bocca, presidente di Federalberghi, i turisti italiani stanno imparando a sfruttare il mese di settembre per andare in vacanza non solo per beneficiare di prezzi decisamente più competitivi rispetto al periodo alta stagione, ma anche per avvantaggiarsi dell’assenza di code e di visitare posti bellissimi senza che ci sia affollamento.

Inoltre, sempre in base alle stime della Federalberghi, se in Italia si riuscisse a prolungare la stagione di due mesi gli effetti positivi sull’occupazione di settore sarebbero rilevanti con quasi 230 mila posti di lavoro in più.

About Francesco Santoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

nove − 7 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.