Home / Economia / Decreto fiscale, saltano in manovra scudo penale e condono tombale
Esenzione Irpef per 13 milioni di italiani: sale Pil, scende il reddito
Esenzione Irpef per 13 milioni di italiani: sale Pil, scende il reddito

Decreto fiscale, saltano in manovra scudo penale e condono tombale

Niente scudo penale, e nemmeno il condono tombale. E’ questa, in estrema sintesi, la posizione del Governo italiano dopo che nella giornata di ieri, sabato 20 ottobre del 2018, c’è stato un Consiglio dei Ministri che, inoltre, è stato importante in quanto occasione propizia per un confronto chiarificatore, a livello politico, tra i due vicepremier Luigi Di Maio e Matteo Salvini.

Il Premier Giuseppe Conte, ‘In Ue c’è clima di disponibilità al dialogo’

In altre parole, dopo le tensioni dei giorni scorsi, tra Matteo Salvini e Luigi Di Maio è tornato il sereno mentre il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha fatto sapere che ‘In Ue c’è clima di disponibilità al dialogo’.

E’ questo dopo che, entro lunedì prossimo, l’Ue ha chiesto di rispondere ai rilievi che, con una lettera ufficiale, sono stati formulati sui contenuti della Legge di Bilancio del 2018 poco prima che l’Agenzia di rating Moody’s annunciasse poi il declassamento del rating dell’Italia.

Il vicepremier Luigi Di Maio, ‘Tutto è bene quel che finisce bene’

‘Tutto è bene quel che finisce bene’, ha scritto ieri sera, via social network Facebook, il Ministero del Lavoro Luigi Di Maio allegando una foto insieme a Matteo Salvini ed al Premier Giuseppe Conte a conclusione della conferenza stampa a margine del Consiglio dei Ministri che, in effetti, è stato utile per rilanciare l’azione di Governo in una fase difficile tra spread sopra i 300 punti, Piazza Affari in difficoltà, rating Italia abbassato da Moody’s ed Europa al momento non disposta a fare sconti al nostro Paese per quel che riguarda il rispetto dei vincoli Ue.

About Annalisa Ruzzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

due × 5 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.