Home / Economia / Economia italiana, Istat: prodotto interno lordo 2017 rivisto al rialzo
Made in Italy, banche in fuga dai distretti industriali
Made in Italy, banche in fuga dai distretti industriali

Economia italiana, Istat: prodotto interno lordo 2017 rivisto al rialzo

Rispetto alla stima dello scorso mese di aprile del 2018, l’Istituto Nazionale di Statistica, con il Rapporto ‘Conti Economici Nazionali’, ha rivisto al rialzo dello 0,1% il tasso di crescita del Prodotto Interno Lordo (PIL) 2017 che si attesta così a +1,6%.

Revisione PIL Italia 2016 e 2015

Considerando i dati rivisti e definitivi dell’Istat sul 2017, in Italia il PIL in volume è aumentato dell’1,1% nel 2016 con una revisione al rialzo di 0,2 punti percentuali e sempre rispetto alla stima, pari a +0,9%, che l’Istituto Nazionale di Statistica ha rilasciato nello scorso mese di aprile. Mentre per il 2015 la correzione della crescita del Pil è al ribasso a +0,9% rispetto ad una stima precedente di +1%.

Per quel che riguarda le varie voci economiche dell’economia italiana nel 2017, i consumi finali nazionali hanno fatto registrare un aumento dell’1,1% rispetto agli investimenti fissi lordi che hanno fatto registrare in volume un +4,3%. Più robusta è stata invece la crescita delle importazioni (+5,2%) e delle esportazioni di beni e servizi (+5,7%) sempre in accordo con il Rapporto ‘Conti Economici Nazionali’ dell’Istat.

Crescita economia italiana 2017 per settori

Considerando i principali settori economici, inoltre, nel 2017, a prezzi costanti, l’Istat ha rilevato un aumento del 3,7% del valore aggiunto nell’industria, +1% nelle costruzioni, e +1,1% nel settore dei servizi. L’unico settore in controtendenza, con una contrazione del valore aggiunto che è stata pari nell’anno al 4,3%, è stato invece quello dell’agricoltura, silvicoltura e pesca.

L’Istituto Nazionale di Statistica, sempre riferito al 2017, ha pure fornito il dato sul reddito disponibile delle famiglie che nell’anno, rispetto al 2016, ha fatto registrare un incremento pari allo 0,5% in termini di potere d’acquisto, e dell’1,6% in valore nominale.

About Annalisa Ruzzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattordici − 11 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.