Home / Economia / I modi di dire di Montalbano: le parole inventate da Andrea Camilleri

I modi di dire di Montalbano: le parole inventate da Andrea Camilleri

Montalbano è il commissario più famoso d’Italia, il personaggio del grande scrittore Andrea Camilleri che ha reso famose, e spesso di uso comune, tante espressioni, tante parole e tante frasi del dialetto siciliano.

Dal mitico Montalbano sono i termini per indicare l’età delle persone

Su molti blog sulla Sicilia e sulla sicilianità è possibile trovare la traduzione e la spiegazione non solo dei modi di dire di Montalbano, ma pure di tutte le parole inventate da Andrea Camilleri. Dal mitico ‘Montalbano sono’, espressione con cui il commissario si presenta, a verbi come babbiare, e passando per i famosi cabasisi e per la parola camurria che possiamo tradurre in italiano con il termine scocciatura.

Famoso nei romanzi di Andrea Camilleri su Montalbano è pure il termine utilizzato per indicare l’età delle persone. Ci sono infatti i ‘trentini’, i ‘quarantini’ ed i ‘sessantini’ per indicare, rispettivamente, chi ha 30, 40 o 60 anni. Il commissario più famoso d’Italia, per esempio, è definito nei romanzi di Andrea Camilleri come un ‘cinquantino’.

Il lessico di Andrea Camilleri nei libri con il commissario Montalbano

Nei libri con il commissario Montalbano il lessico non è solo ricco di parole siciliane, ma è pure colorito a partire da espressioni classiche e ripetitive come la ‘rottura di cabasisi’. Con i cabasisi che, in particolare, sono dei piccoli tuberi.

Altri termini spesso utilizzati dallo scrittore sono l’ammazzatina, pigliato dai turchi e gli occhi che fanno pupi pupi. Nel dettaglio, l’ammazzatina indica l’omicidio spesso indicato da Camilleri con sparatina in caso di morte da arma da fuoco. Pigliato dai turchi è l’espressione indicante chi confuso viene colto di sorpresa, mentre gli occhi fanno pupi pupi quando a causa della stanchezza si ha la tendenza a sbattere continuamente le palpebre.

Opere di Andrea Camilleri, ecco i termini siciliani più usati

Per il lessico utilizzato da Andrea Camilleri si è addirittura arrivati a definire un vero e proprio dizionario dei termini, delle frasi e delle espressioni siciliane più utilizzate. Ecco alcuni esempi.

  • A pedagna, significa a piedi;
  • A patrasso, detto per una cosa che va a finire molto male;
  • Abbrusciare sta per incendiare;
  • Aviri u mal’abbentu sta per avere l’argento vivo addosso;
  • Acchianare significa salire;
  • Babbiata sta per la presa in giro;
  • Incignare sta per inaugurare, mettere per la prima volta;
  • Jènniro è il genero;
  • Lagnusìa è la pigrizia;
  • Macàri sta per anche, perfino;
  • Maniàre, toccare con le mani;
  • Masculo sta per maschio;
  • Munnizzaro è il netturbino;
  • Nànfara è il raffreddore;
  • Neglia è la nebbia;
  • ‘Ngiuria è l’offesa, l’oltraggio;
  • Nico sta per piccolo;
  • Non appattare sta per non combaciare;
  • Nuovaiorca è la città di New York;
  • Occhi sgriddrati sta per occhi spalancati;
  • Omo di panza, detto di un uomo che sa tenere un segreto;
  • Pagnottuna è lo schiaffone;
  • Pampineddra sta per piccola foglia;
  • Parrino è il prete, ma anche il padrino;
  • Passiàre sta per passeggiare;
  • Pertuso è il buco;
  • Picciliddro è il bambino;
  • Pigliare il fujuto sta per darsi alla fuga.

About Pamela Tela

Blogger di tecnologia, viaggi ed economia. La mia passione per la scrittura mi ha permesso di intraprendere l'attività di gestione portali web che porto avanti dal 2010.