Home / Economia / Modulo rottamazione-ter pronto sul sito delle Entrate, info nuova procedura
Modulo rottamazione-ter pronto sul sito delle Entrate, info nuova procedura
Modulo rottamazione-ter pronto sul sito delle Entrate, info nuova procedura

Modulo rottamazione-ter pronto sul sito delle Entrate, info nuova procedura

Il modello DA-2018 ed il modello DA-2018-D. Sono questi i due moduli, che sono visionabili e scaricabili dal sito Internet dell’Agenzia delle Entrate, per aderire al terzo round della definizione agevolata, ovverosia alla cosiddetta rottamazione-ter in linea con quanto varato dal Governo giallo-verde con il Decreto fiscale che è collegato alla Legge di Stabilità del 2019.

Domande rottamazione-ter da presentare entro il 30 aprile del 2019

Nel dettaglio, in accordo con quanto è stato riportato da FiscoOggi.it, il Quotidiano telematico dell’Agenzia delle Entrate, per la rottamazione ter il modulo DA-2018 deve essere utilizzato per i carichi affidati alla riscossione dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre del 2017; mentre il modulo DA-2018-D risulta essere destinato ‘ai contribuenti che intendono definire in maniera agevolata i debiti affidati alla riscossione a titolo di risorse proprie dell’Unione europea’.

Le richieste di accesso alla rottamazione ter, con i modelli sopra indicati, entro la data del 30 aprile del 2019 vanno inviate via posta elettronica certificata (Pec) alla direzione regionale competente, oppure, sul territorio, recandosi direttamente presso gli sportelli dell’Agenzia delle Entrate-Riscossione. Per trovare le caselle Pec l’elenco è disponibile sul sito Internet delle Entrate, ma è presente pure nei modelli di adesione in corrispondenza di pagina 4.

Dalla seconda alla terza rottamazione, ecco come far scattare l’adesione automatica alla nuova definizione agevolata

Chi ha aderito alla seconda rottamazione, inoltre, può rientrare in automatico nella definizione agevolata ter a patto che, entro il prossimo 7 dicembre del 2018, sia in regola con il pagamento delle rate scadute a luglio, a settembre ed ottobre con il pagamento utilizzando i bollettini che erano allegati alla ‘Comunicazione delle somme dovute‘.

About Annalisa Ruzzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

14 + 11 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.