Home / Economia / Pagare le tasse in ritardo costerà di più dal 2019, aumento interessi legali
Agenzia di rating Fitch su economia Europa, sforbiciata alle previsioni di crescita
Agenzia di rating Fitch su economia Europa, sforbiciata alle previsioni di crescita

Pagare le tasse in ritardo costerà di più dal 2019, aumento interessi legali

Dall’1 gennaio del 2019 in Italia pagare le tasse in ritardo comporterà un costo maggiore a carico dei contribuenti. E questo perché scatterà la stangata sugli interessi legali che saranno quasi il triplo rispetto a quelli attuali. Si passerà infatti dallo 0,3% del 2018 allo 0,8% a partire dal 2019.

Aumento degli interessi legali è già in Gazzetta Ufficiale

La variazione al rialzo degli interessi legali sulle tasse che, a partire dal 2019, saranno pagate in ritardo, è contenuta nel decreto del ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF) del 12 dicembre del 2018, in corrispondenza dell’articolo 1 in accordo con quanto è stato riportato dal Corriere.it. Inoltre, per il decreto del MEF c’è stata già, il 15 dicembre scorso, la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale 291.

In particolare, nel decreto del ministero dell’Economia e delle Finanze viene precisato che la modifica degli interessi legali può essere effettuata tenendo conto dei seguenti due fattori: il tasso di inflazione registrato nell’anno; il rendimento medio annuo lordo dei titoli di Stato di durata non superiore a dodici mesi. In altre parole gli interessi legali sulle tasse pagate in ritardo aumenteranno nel 2019, più che per il carovita, a causa del recente aumento dello spread tra i titoli di Stato italiani e quelli tedeschi.

Effetto spread sugli interessi legali con maggiori costi anche sulla cosiddetta pace fiscale

Sugli interessi legali IlMessaggero.it riporta e ricorda che questi erano già saliti lo scorso anno dallo 0,1% allo 0,3%. Così come il Quotidiano economico e finanziario ‘Il Sole 24 Ore’ mette in evidenza come i maggiori costi per pagare le tasse in ritardo andranno ad incidere pure sulle ‘rate per i nuovi condoni previsti dal decreto legge 119/2018’.

About Francesco Santoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tre × due =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.