Home / Economia / Pane più caro da settembre, ecco perché aumento dei prezzi è alle porte
Pane più caro da settembre, ecco perché aumento dei prezzi è alle porte
Pane più caro da settembre, ecco perché aumento dei prezzi è alle porte

Pane più caro da settembre, ecco perché aumento dei prezzi è alle porte

Dal prossimo mese di settembre del 2018, su scala globale, potrebbero esserci rincari sui prezzi al dettaglio non solo della pasta, ma anche del pane a causa di possibili impennate delle quotazioni del grano.

Previsto calo della produzione in molti Paesi del mondo

A rivelarlo, in accordo con quanto è stato riportato da IlMessaggero.it, è stato il Wall Street Journal citando un mix di fattori meteo avversi tra un inverno che è stato molto freddo, ed un’estate bollente.

Basti pensare che si stima un calo della produzione del grano non solo nell’Unione Europea, ma anche in tanti altri Paesi del mondo a partire dalla Russia e passando per la Turchia, gli Stati Uniti, il Pakistan, il Canada, l’Australia e l’Ucraina.

Scarsità di grano, le leggi dell’economia parlano chiaro

Il rischio di aumento dei prezzi del pane, di conseguenza, è strettamente legato ad una sensibile riduzione dell’offerta considerando il fatto che, i Paesi sopra indicati, sono anche i maggiori produttori di grano a livello mondiale. E quando l’offerta è scarsa le leggi dell’economia ci dicono che i prezzi all’ingrosso del grano si potrebbero impennare con conseguente trasferimento sui prezzi al dettaglio non solo della pasta e del pane, ma anche di tutti i prodotti trasformati.

In accordo con le recenti stime che sono state fornite dall’Organizzazione degli agricoltori della Coldiretti, la produzione di grano in Europa anno su anno dovrebbe calare del 10% a causa soprattutto del raccolto in Germania, in Francia e nei Paesi del Nord Europa. Il calo maggiore è atteso per il raccolto di grano tenero a fronte di una contrazione circoscritta nel Vecchio Continente a solo il 4% per il grano duro che è destinato alla produzione della pasta.

About Luca Di Pasquale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 + otto =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.