Home / Economia / Prestito imprese: ABI-Associazioni, nuovo Accordo per il Credito 2019
Tredicesima dicembre 2018 è quasi tutta impegnata per le spese obbligate
Tredicesima dicembre 2018 è quasi tutta impegnata per le spese obbligate

Prestito imprese: ABI-Associazioni, nuovo Accordo per il Credito 2019

L’Associazione Bancaria Italiana, insieme alle Associazioni di categoria, ha siglato a favore delle imprese il nuovo Accordo per il Credito 2019 che, tra l’altro, tiene conto di quello che è il nuovo contesto a livello regolamentare e di mercato. Ne dà notizia proprio l’ABI nel precisare che l’Accordo per il Credito 2019 prevede per le imprese la possibilità di sospendere e di allungare il piano di ammortamento dei finanziamenti che le PMI hanno sottoscritto con il sistema bancario.

Nuovo Accordo per il Credito 2019 per le imprese, le Associazioni aderenti

Per quel che riguarda le Associazioni di categoria, hanno sottoscritto il nuovo Accordo per il Credito 2019 Rete Imprese Italia in rappresentanza di Casartigiani, Cna, Confartigianato, Confcommercio e Confersercenti; Alleanza delle Cooperative Italiane in rappresentanza di AGCI, Confcooperative e Legacoop; Confindustria, CIA-Agricoltori Italiani, Confagricoltura, Confapi, Confedilizia, CLAAI, Coldiretti, Confetra e Confimi Industria.

Le misure a sostegno delle imprese con la moratoria, da parte delle banche italiane, sono di lungo corso visto che per la prima volta sono state attivate dal 2009, in risposta alla crisi finanziaria ed economica, permettendo fino ad oggi alle PMI di ottenere liquidità aggiuntiva per ben 25 miliardi di euro circa.

Come funziona l’Accordo per il Credito 2019

Nel dettaglio, le imprese accedendo alla moratoria sul credito possono chiedere la sospensione del pagamento della quota capitale delle rate da pagare per un periodo pari a 12 mesi. Ciò comporterà un corrispondente allungamento del piano di ammortamento, mentre per quel che riguarda il tasso di interesse applicato, precisa l’ABI, questo potrà aumentare solo nel caso in cui l’operazione comporti un maggior costo a carico della banca e comunque nel limite massimo di una maggiorazione dei costi pari a 60 punti base rispetto al tasso originario.

About Annalisa Ruzzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro × 3 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.