Home / Economia / Sciopero generale 26 ottobre 2018, venerdì si ferma tutto

Sciopero generale 26 ottobre 2018, venerdì si ferma tutto

In tutta Italia venerdì prossimo, 26 ottobre del 2018, sono attesi disagi non solo per l’accesso al trasporto pubblico locale, ed a quello ferroviario, ma anche nel settore della sanità e della scuola dopo che i sindacati di base hanno proclamato lo sciopero generale per il settore pubblico e per quello privato. Nel rispetto delle fasce di garanzia, e nel garantire i servizi minimi essenziali, in certi casi, sul territorio, lo sciopero durerà l’intera giornata con la conseguenza che venerdì prossimo il rischio è quello che davvero in Italia si fermi tutto.

Sindacati di base, sciopero generale scuola e sanità

Nel dettaglio, per quel che riguarda la scuola i Sindacati di base hanno proclamato lo sciopero generale di tutto il personale con contratto di lavoro a tempo indeterminato, a tempo determinato ed anche con contratto di lavoro atipico o precario.

Stessa musica, per venerdì prossimo, nel settore della sanità per il quale i Sindacati chiedono l’assunzione di nuovo personale a partire dai medici e passando per gli infermieri, ma anche l’eliminazione delle liste d’attesa e dei ticket.

Sciopero treni 25-26 ottobre 2018, attesi disagi per i collegamenti regionali

Nel settore del trasporto ferroviario lo sciopero generale scatterà già dalle ore 21 di giovedì 25 ottobre del 2018, per poi terminare alla stessa ora del giorno dopo. I maggiori disagi si registreranno per i treni regionali in quanto questi saranno garantiti solo nella fascia di trasporto pendolari, ovverosia la mattina dalle ore 6 alle ore 9, e poi dalle ore 18 e fino alle ore 21. Dal sito Internet di Trenitalia è possibile consultare l’elenco dei treni garantiti in caso di sciopero.

About Annalisa Ruzzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

9 + uno =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.