Home / Guide / Trucchi e segreti per fare brillare gli anelli in argento sotto il sole dell’estate

Trucchi e segreti per fare brillare gli anelli in argento sotto il sole dell’estate

I monili più trendy dell’estate? Naturalmente gli anelli in argento che però in estate devono difendersi da un nemico della loro lucentezza: il caldo. Quando la temperatura sale e l’umidità cresce, per certi gioielli aumenta il rischia di perdere brillantezza, e così gli anelli in argento in men che non si dica non solo si opacizzano, ma si anneriscono.

Ecco quattro consigli utili su come conservare e pulire i gioielli d’argento.

  • Il migliore modo per proteggere dall’umidità i vostri anelli d’argento è quello di riporli sempre in un contenitore al riparo dal caldo. Il portagioie dove tenere al fresco i gioielli avrà una marcia in più se aggiungerete dei pezzetti di gesso – sì, proprio quello che si usano a scuola per scrivere alla lavagna – o dei sacchettini con gel di silice: entrambi sono materiali utilissimi per assorbire l’umidità. Dove trovare il gel di silice? Fate attenzione a quando aprite le confezioni di prodotti elettronici, ma anche di altri oggetti come per esempio le valigie: all’interno troverete i sacchettini di questo gel, che è uno speciale polimero dalle proprietà disidratanti. Invece di buttarli, riponeteli e usateli per proteggere i vostri gioielli.
  • Il segreto per mantenere bracciali e anelli in argento luminosi e scintillanti come nuovi, è quello di evitare il contatto con sostanze acide. Questo significa che dovete fare attenzione se vi spruzzate il profumo addosso o se spalmate una crema o una lozione: le sostanze presenti in parecchi prodotti cosmetici rischiano di appannare l’argento. Creme, deodoranti, profumi e prodotti per capelli accelerano infatti l’ossidazione.
  • Se non volete che gli anelli d’argento si rovinino, ricordatevi di non indossarli quando vi sdraiate in spiaggia sotto il sole o quando fate il bagno in mare e in piscina.
  • Pulite regolarmente gli anelli in argento perché brillino più a lungo, e fatelo con maggiore cura in estate. Non serve armarsi di chissà quali prodotti, basta una bacinella di acqua tiepida con un po’ di bicarbonato e poi lucidarli con un panno morbido di microfibra.

E se i gioielli d’argento si sono anneriti?
Bracciali, orecchini, collane e anelli in argento se non sono riposti con cura, spesso si anneriscono, si ossidano e lasciano un’ombra sulla pelle. Il motivo è semplice, l’argento è un metallo morbido quindi serve che sia combinato a un altro metallo per potere creare dei gioielli. L’argento sterling 925 è una lega composta dal 92,5 per cento di argento e dal restante 7,5 per cento da altri metalli in lega, spesso rame che si ossida a contatto con l’ossigeno nell’aria, lo zolfo, l’umidità. Ma è deleterio anche il contatto con la pelle che ha un Ph elevato, cioè che ha il sudore acido. Quando gli anelli d’argento sono anneriti, riempite una vaschetta con acqua calda e aggiungete un cucchiaio di sale grosso, agitate finché il sale non si scioglie. Poi mettete a mollo gli anelli e aggiungete un foglio di alluminio tagliato a strisce: il mix di sale e allumino illumina la superficie dei gioielli. Dopo cinque minuti, prima che l’acqua si sia raffreddata potete togliere gli anelli dalla vaschetta, sciacquarli e massaggiarli con il panno morbido. Se ancora non sono completamente brillanti, ripetete l’operazione nuovamente.

Trova gli anelli in argento, acciaio, oro giallo o rosa più fashion dell’estate sul sito Nomination: https://www.nomination.com/it-it/gioielli/anelli/

About Pamela Tela

Blogger di tecnologia, viaggi ed economia. La mia passione per la scrittura mi ha permesso di intraprendere l'attività di gestione portali web che porto avanti dal 2010.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

19 − 3 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.