Home / Tecnologia / Netflix italiana possibile oltre le Tv tradizionali (che hanno i giorni contati)
Netflix italiana possibile oltre le Tv tradizionali (che hanno i giorni contati)
Netflix italiana possibile oltre le Tv tradizionali (che hanno i giorni contati)

Netflix italiana possibile oltre le Tv tradizionali (che hanno i giorni contati)

Le tv tradizionali hanno i giorni contati, ma la prossima Netflix può essere italiana!’. Questo è quanto, via social network Facebook, ha scritto Luigi Di Maio, il Ministro del Lavoro, delle Politiche Sociali e dello Sviluppo Economico, che dopo aver lanciato nei giorni scorsi la proposta di 30 minuti di Internet gratis al giorno, per chi non se lo può permettere, ha ora trattato l’argomento relativo alla futura televisione citando un Report della Morgan Stanley.

Media tradizionali, tutto è cambiato con l’avvento della Rete

Secondo il Ministro, nel panorama televisivo italiano e non solo, tutto è cambiato con l’avvento della Rete e con la conseguenza che, per i media tradizionali, sarebbe cambiato tutto.

In un altro intervento sul social network, inoltre, Luigi Di Maio cita anche Rai e Mediaset ritenendo che, per il futuro, i due gruppi televisivi, per quanto sopra detto, dovranno per forza rinnovarsi non solo con nuove idee, ma anche con nuove persone.

Investire nelle nuove tecnologie premiando le giovani imprese

Secondo il Ministro, affinché la prossima Netflix possa essere italiana, pur tuttavia, occorre necessariamente investire nella banda larga. E per questo, in qualità di Ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico, mira non solo a ‘dare opportunità alle giovani imprese che si occupano della creazione di format e contenuti multimediali’, ma anche ‘a quelle che realizzano applicazioni e inventano nuove tecnologie’. Questa posizione deriva dal fatto, dati alla mano, che in Italia sta calando sui media tradizionali non solo la pubblicità, ma anche il consumo di programmi.

Per la Rai, infine, secondo il Ministro del Lavoro è arrivato il momento del cambiamento. ‘Il primo passo è la fine della lottizzazione da un lato e la pretesa di avere editori puri dall’altro’, ha infatti scritto Luigi Di Maio ritenendo che a trionfare dovrà essere, per la Tv di Stato, il merito e l’ingresso di aria nuova.

About Pamela Tela

Blogger di tecnologia, viaggi ed economia. La mia passione per la scrittura mi ha permesso di intraprendere l'attività di gestione portali web che porto avanti dal 2010.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tre × uno =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.