Home / Viaggi / Storia ed architettura della Stazione centrale Milano
milano stazione centrale

Storia ed architettura della Stazione centrale Milano

La Stazione Centrale di Milano è la stazione ferroviaria principale del capoluogo lombardo e la più grande per volume in Europa. Situata all’estremità settentrionale del centro di Milano, è stata costruita per sostituire la vecchia stazione ed inaugurata nel 1931.

Oltre che fulcro ferroviario della città mette in collegamento tramite bus e navette anche i principali aeroporti come Orio al Serio, Malpensa e Linate. Imponente e maestosa, la stazione si erge su piazza Duca d’Aosta con un porticato ad archi di quasi 28 metri di altezza e una serie di statue che arricchiscono tutto il contesto.

Si tratta di un’opera architettonica straordinaria al servizio delle migliaia di persone che passano ogni giorno da quello che è considerato uno dei più importanti nodi ferroviari europei.

Un po’ di storia

Sin dai tempi remoti la funzione di snodo della stazione centrale è stata chiara, e per questo nell’Ottocento venne indetto un concorso per realizzare una nuova stazione ferroviaria che avrebbe dovuto sostituire quella inaugurata nel 1864 e voluta da Vittorio Emanuele II.

La prima stazione venne realizzata nell’area occupata oggi da Piazza della Repubblica, a sud della attuale stazione e fu progettata dall’architetto francese Louis-Jules Bouchot.

La necessità di realizzare una nuova stazione nacque dal fatto che il traffico ferroviario all’epoca era già troppo intenso per essere supportato dalle due piccole stazioni che erano quella di Porta Tosa e quella di Porta Nuova. Occorreva quindi un nuovo sito che fosse, oltre che usufruibile, anche degno dell’opera sia per estetica che per architettura.

I primi 17 progetti che furono presentati alla commissione vennero scartati perché non soddisfacevano i requisiti pretesi dal bando. Nel 1911 vennero presentati 43 progetti e alla fine venne scelto quello dell’architetto toscano Ulisse Stacchini, il cui disegno si ispirava a quello della Union Station a Washington. I lavori preliminari ebbero inizio ma furono interrotti a causa dello scoppio della prima guerra mondiale.

In seguito, a causa della crisi economica causata dalla guerra, la costruzione procedette a rilento, e il progetto di volta in volta venne modificato fino a diventare sempre più maestoso e complesso.

I lavori ripresero dopo l’ascesa di Mussolini al potere e la stazione venne inaugurata il 1 ° luglio 1931 alla presenza di Galeazzo Ciano, ministro degli Esteri e genero di Mussolini. Durante l’Olocausto in Italia il binario 21, situato al livello inferiore rispetto a quelli della stazione passeggeri, venne utilizzato per la deportazione degli ebrei italiani verso i campi di concentramento.

In tutto furono 15 i treni di deportazione che hanno lasciato la stazione dal Binario 21 con a bordo 1.200 detenuti. Nell’ex piattaforma è stato aperto un Memoriale della Shoah per commemorare i tragici eventi, inaugurato a gennaio 2013.

Architettura della Stazione Centrale

Decorata con tantissime statue all’esterno, ognuna delle quali ha una simbologia propria, la Stazione Centrale di Milano negli anni è stata sottoposta ad intensi restauri che hanno portato alla luce luoghi come il Padiglione Reale, formato dalla Sala Reale e la Sala delle Armi.

Il padiglione in origine era stato concepito per accogliere i Savoia e oggi è visitabile e viene anche affittato per celebrare eventi. La stazione si sviluppa in un’area complessiva pari a circa 66mila metri quadrati, è dotata di 24 binari e sormontata da arcate di vetro e ferro che raggiungono i 72 metri di altezza.

Il Salone della Biglietteria è alto invece 42 metri. I materiali interni, che all’apparenza sembrano marmi, in realtà sono un un’illusione ottica ottenuta con altri materiali come il gesso, la scagliola, la selenite, il colore e l’acqua.

La Stazione Centrale è probabilmente il più importante esempio italiano di architettura che coniuga stile liberty, eclettismo e razionalismo fascista.

About Pamela Tela

Blogger di tecnologia, viaggi ed economia. La mia passione per la scrittura mi ha permesso di intraprendere l'attività di gestione portali web che porto avanti dal 2010.